Dpcm, a Pescara sit-in dei titolari agenzie di viaggio

'Settore in ginocchio'. Chiesto intervento di Governo e Regione

(ANSA) - PESCARA, 27 OTT - Una bara attorniata da striscioni al centro di piazza Unione su cui si affaccia la sede della Regione Abruzzo a Pescara: è il simbolo che questa mattina hanno usato una cinquantina di titolari di agenzie di viaggio per lanciare un grido di dolore. "Fuori fuori" hanno gridato i manifestanti rivolgendosi ai consiglieri regionali presenti nel palazzo. "Siamo allo stremo - ha detto Annalisa De Luca, vicepresidente dell'Associazione Agenzie di Viaggio Indipendenti d'Abruzzo - con una situazione sempre più drammatica. Quello di oggi è un messaggio forte che non potevamo non lanciare, vista l'indifferenza delle istituzioni dalla manifestazione del 21 maggio. Da allora non è cambiato nulla. Solo promesse, tutte disattese. Avevamo diritto a un contributo di 3mila euro e ad oggi non ci sono i fondi, il futuro non sappiamo cosa ci riserverà. Finora siamo andati avanti con le nostre forze, ma oggi le istituzioni devono prendersi le responsabilità di quanto sta accadendo. Siamo reduci da un'estate pessima con fatturato crollato quasi del 90% e il provvedimento del bonus vacanze non spendibile nelle nostre agenzie. Ci rivolgiamo al Governo che ha fatto scelte fino ad oggi scellerate e alla Regione affinché - conclude De Luca - si prosegua un dialogo che avviammo mesi fa.
    Dopo un anno di non lavoro non siamo più in grado di andare avanti". A margine della manifestazione la vice presidente dell'Associazione ha avuto un breve colloquio con Daniele D'Amario, nominato poche ore fa assessore regionale al Turismo e alle Attività Produttive dal presidente della Regione Marsilio.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie