G20: Benassi, presidenza Italia per sviluppo sostenibile

Tra gli obiettivi riduzione diseguaglianze e lavoro alle donne

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 03 GIU - Passaggio di consegne, a dicembre, dall'Arabia Saudita all'Italia per la presidenza del G20, guidata dallo sherpa e consigliere diplomatico del presidente del Consiglio, Pietro Benassi, che sta già delineando il programma dei lavori focalizzato, secondo alcune anticipazioni,su un modello di sviluppo davvero sostenibile, fondato su un sistema forte di servizi pubblici.
    "Dovremo puntare sulla valorizzazione di quei beni pubblici - People, Planet, Prosperity, Public Health - che sono condizione per prevenire ed affrontare shock come quelli che stiamo vivendo - sostiene l'ambasciatore Benassi - ed immaginare un nuovo modello di sviluppo".
    Dopo il coronavirus la ricostruzione economica dovrà essere l'occasione per attuare trasformazioni che sembravano inimmaginabili a chi continua a guardare al futuro esclusivamente con lo specchietto retrovisore della globalizzazione finanziaria, afferma in un comunicato la delegazione italiana del Women 20, gruppo di interesse della società civile che ha come scopo quello di elaborare proposte di policy su gender equity, empowerment femminile per i leader dei paesi membri del G20. Le delegazioni dei venti Paesi si riuniscono ogni anno prima del vertice dei capi di Stato e di Governo.
    L'idea stessa di sviluppo sostenibile si arricchisce di nuovi contenuti. Non v'è sostenibilità senza riduzione della povertà, né può esservi sviluppo senza considerare la tutela della salute come una premessa irrinunciabile. La pandemia ha chiaramente evidenziato il ruolo fondamentale della salute pubblica come elemento fondante delle nostre società, uno di quei beni pubblici globali che dobbiamo tutelare e promuovere. La sfida contro il virus non potrà essere vinta senza un importante passo in avanti nell'integrazione e cooperazione internazionale.
    L'Italia ha promosso la costituzione di un'alleanza internazionale per combattere il virus e, in partnership con altri partner e l'Unione Europea, ha lanciato e finanziato l'iniziativa ACT (Access to Covid-19 Accelerator), una piattaforma globale di cooperazione per sostenere la ricerca e lo sviluppo, nonché la distribuzione equa ed universale di un vaccino. La sostenibilità è tutela dell'ambiente, ma è anche un'economia "amica" dell'uomo.
    "Oggi più che mai abbiamo bisogno di un'economia al servizio della comunità, che non lasci nessuno indietro. Solo così avremo un futuro prospero. La strada, che ci viene indicata dall'Agenda 2030 dell'Onu, andrà percorsa con coraggio, decisione e spirito di collaborazione. Lo dobbiamo a noi stessi e alle nuove generazioni", si legge nel comunicato di Women 20.
    Le donne che in questo periodo hanno sopportato il peso maggiore della crisi, continuano ad essere la parte debole della società, anzi, rischiano di diventarlo ancor di più inasprendo disuguaglianze preesistenti. "Per fortuna ci sono realtà come il Women 20, engagement group del G20, che cercano di porre fine a tutte le forme di discriminazione e violenza contro le donne e cercano di spingere le istituzioni ad attuare riforme legali e sociali", sottolinea Elvira Marasco co-head della delegazione italiana W20. La riduzione delle disuguaglianze sarà una priorità della Presidenza italiana. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA