Humane Society, blocco degli allevamenti di visoni è inutile

"L'attività finiva ora per riprendere a marzo"

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 24 NOV - "Fermare l'allevamento per i prossimi tre mesi è un provvedimento inutile che non elimina la sofferenza animale, né tanto meno il rischio per la salute pubblica, legato alla diffusione del virus SARS-CoV-2. Solo oggi il Ministero ha ordinato l'abbattimento di 28.000 visoni in un allevamento infettato a Capralba, in provincia di Cremona". E' quanto dichiara Martina Pluda, responsabile per l'Italia di Humane Society International (HSI), organizzazione attiva a livello locale e internazionale per proteggere tutti gli animali - in natura, nei laboratori, negli allevamenti e in ambiente domestico - con campagne globali e attività sul campo in più di 50 paesi.

"L'ordinanza pubblicata dal ministro della Salute italiano Roberto Speranza, che prevede la sospensione delle attività degli allevamenti di visoni sul territorio nazionale fino al 28 febbraio 2021, è un paravento. Il ciclo d'allevamento e produzione dei visoni finisce proprio in queste settimane per riprendere a marzo", dichiara Pluda.

"Gli allevamenti si fermerebbero comunque per loro natura in questo periodo, la decisione del ministro è ininfluente -.

continua l'animalista -. Gli animali destinati al commercio delle loro pellicce, attualmente negli allevamenti, verranno uccisi e quelli invece usati come riproduttori resteranno chiusi nelle loro gabbie fino a marzo, in attesa della verifica dei presupposti per la proroga delle misure ed in caso contrario dell'accoppiamento. L'unico provvedimento utile e necessario per tutelare gli animali e la salute pubblica è il definitivo divieto d'allevamento di animali da pelliccia come hanno già fatto moltissimi paesi europei". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie