Violenza donne: murale per Mary, stuprata e uccisa a Milano

E' vicino alla lapide che ricorda la 17enne ammazzata 35 anni fa

Redazione ANSA MILANO

(ANSA) - MILANO, 25 NOV - Sorge sul muro di piazza Alfieri a Milano, accanto alla lapide in ricordo di Mary D'Amelio, la studentessa di 17 anni stuprata e uccisa nel 1987 nei pressi della stazione ferroviaria di Bovisa, l'opera dell'artista argentino Bosoletti, intitolata "Il soffio" inaugurata oggi, nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne.
    Il murale è stato commissionato dal club Rotary Passport Innovation, finanziato dal mecenate Fabrizio Capaccioli, ad di Asacert e vicepresidente di Green Building Council Italia, con la collaborazione del Municipio 9 del Comune di Milano, Ferrovie Nord e Regione Lombardia. "Questo murale ha un significato molto importante: è un segno visibile e concreto sul tema della violenza contro le donne per tutti coloro che frequentano Bovisa - afferma Claudia Maria Terzi, assessore ai Trasporti e alla Mobilità di Regione Lombardia- Qui transitano infatti ogni giorno migliaia di persone e l'opera dell'artista argentino Bosoletti permetterà di mantenere vivo il ricordo e la memoria di Mary, oltre a sensibilizzare le persone sul tema della violenza di genere: un murale che, di fatto, è un monito indelebile per tutti". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA