Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scuola: studenti di un liceo di Macerata simulano un processo

Riflessione insieme ad avvocati su tema legalità

Redazione ANSA MACERATA

(ANSA) - MACERATA, 09 MAR - Simulare un processo per riflettere sui meccanismi della giustizia nel sistema giuridico italiano attraverso un case-study. È l'esperienza che ha visto coinvolti, come protagonisti, gli studenti del Liceo Classico e Linguistico di Macerata, che hanno impersonato le parti di un processo penale. L'iniziativa - che si colloca all'interno del Percorso Giuridico-Economico promosso dal Liceo - si è svolta in collaborazione con gli avvocati Renato Coltorti e Fulvia Bravi, della Sezione didattica della Sede di Macerata dell'Unione delle Camere Penali Italiane. Gli avvocati hanno guidato la riflessione delle studentesse e degli studenti e hanno condotto un percorso di approfondimento sui principi costituzionali relativi al processo penale, sulle regole che governano i ruoli di difesa, accusa e giudice, sulla funzione del processo, quale luogo ove la giustizia si realizza attraverso la dialettica tra le parti e nel rispetto dei principi costituzionali e del diritto. Gli studenti, organizzati in gruppi di studio e guidati dagli avvocati, hanno quindi studiato il caso, teatralizzando i ruoli di avvocato, pubblico ministero e giudice all'interno del processo fino alla redazione e alle lettura della sentenza in udienza.
    Per la dirigente scolastica, Angela Fiorillo, "i progetti educativi che mettono in gioco direttamente i giovani in ruoli così motivanti consentono la maturazione di competenze civiche, incoraggiando la cultura della legalità, del rispetto delle regole e delle libertà, e di competenze trasversali e orientative". Gli incontri del Percorso Giuridico-Economico hanno coinvolto gli studenti delle classi terze, quarte e quinte del Liceo Classico e Linguistico di Macerata. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA