Abusi sulle studentesse, prof condannato a risarcire scuola

Genitori in rivolta a Cagliari, "istituto non le ha protette"

Redazione ANSA CAGLIARI

(ANSA) - CAGLIARI, 14 NOV - L'Ufficio scolastico provinciale di Cagliari dovrà essere risarcito con 100mila euro per danno d'immagine per lo scandalo del professore di matematica condannato in via definitiva a dieci anni per concussione e violenza sessuale nei confronti di alcune allora studentesse dell'Istituto magistrale, ora Liceo Eleonora d'Arborea.
    Ma monta la polemica. "Viene risarcita la scuola che per anni non ha protetto le alunne: è vergognoso". È lo sfogo, raccolto dai quotidiani L'Unione sarda e Il Messaggero, del padre di una delle ragazze (non parte lesa) che frequentavano la scuola nel periodo in cui il docente, che nel frattempo ha scontato la pena, era ancora in cattedra. Le studentesse non si erano costituite parte civile e non hanno quindi ottenuto alcun risarcimento. "Ora vedo che chi non ha fatto nulla, la scuola, viene pure risarcito - contesta il genitore - Anche se ha abbandonato le sue ragazze".
    Dopo la condanna a 10 anni di reclusione in abbreviato, è di questi giorni la decisione della Corte dei conti: il docente dovrà risarcire l'Ufficio scolastico provinciale con 100 mila euro. "Somma da considerarsi assolutamente adeguata e proporzionata - si legge nel dispositivo - considerato che l'insegnante rivestiva, quale docente di Liceo, un ruolo della massima delicatezza e rilevanza in ragione della sua funzione di educatore, che la condotta illecita è stata contraddistinta da azioni gravissime e reiterate nel tempo, e che l'impatto mediatico negativo a livello nazionale è stato davvero notevole e continuativo". Secondo le accuse che hanno poi portato alla condanna passata in giudicato, l'insegnante dal 2055 aveva abusato delle ragazzine per poi elargire bei voti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA