Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ex commissario, i giovani sottovalutano i rischi della droga

Borsci per 35 anni ha dato la caccia a spacciatori e trafficanti

Redazione ANSA BOLZANO

(ANSA) - BOLZANO, 10 GEN - "Ragazzi, non sottovalutate i rischi della droga". E' l'appello lanciato da Pasquale Borsci, da pochi giorni ex commissario della Questura di Bolzano. Per 35 anni ha lavorato nell'antidroga, di cui 20 da capo della Narcotici, arrestando centinaia e centinaia di trafficanti e spacciatori e sequestrando tonnellate di stupefacenti. Secondo Borsci, la droga oggi fa meno paura, perché ormai quasi nessuno si 'buca' più. "I principi attivi delle droghe leggere oggi però sono molto più elevati e la cocaina e l'eroina fanno danni anche se fumata e non iniettata", spiega.
    Il 60enne, medaglia di bronzo al valor civile per un salvataggio dal fiume Isarco, evidenza che adolescenti oggi spesso si avvicinano per curiosità al mondo della droga. "Non spaventa più il classico tossicodipendente. I giovani assumano la droga bruciandola su carta stagnola e inalando i fumi, non rendendosi però conto che anche questa forma di assunzione crea danni fisici e dipendenza", spiega l'ex commissario. Secondo Borsci, il lavoro di prevenzione è fondamentale e dovrebbe iniziare già alle medie.
    In questi anni sono anche cambiate le tecniche dello spaccio.
    "Una volta bastava fare un giro in città per trovare chi aveva la sostanza stupefacente addosso, oggi praticamente non accade più", racconta. L'attività investigativa è diventava più complessa, anche per quanto riguarda il traffico della droga che viene abilmente nascosta e camuffata in appositi vani nelle autovetture. In alcuni casi il 'fiuto' degli agenti, ovvero la loro esperienza, va oltre quello dei cani antidroga, che vengono tratti inganno con la polvere di caffè e il dentifricio, come anche con strati su strati di nylon termosaldati.
    Borsci in questi anni ha anche operato come caposcorta di personaggi pubblici, come il Dalai Lama oppure l'allora ministro Franco Frattini, deceduto recentemente. "Il presidente è stata una bravissima persona, che ci ha sempre coinvolti già dal mattino nella programmazione degli impegni istituzionali e privati", ricorda con affetto l'ex commissario. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA