Noleggio auto, Unc rileva aumenti fino +40% in Piemonte

Tariffe mensili utilitarie da 300 a 490 euro più Iva

Redazione ANSA TORINO

Neppure le tariffe del noleggio auto sfuggono ai rincari. Secondo l'analisi fatta dal comitato regionale piemontese dell'Unione nazionale consumatori (Unc) in Piemonte gli aumenti rispetto a inizio anno arrivano fino al 40%. "I ritardi nella produzione delle auto dovuti allo stop pandemico, il caro energia e materie prime che influiscono su logistica e trasporti recando gravi ritardi nelle consegne dei veicoli hanno scatenato in regione un forte incremento delle tariffe. - spiega l'avvocato Patrizia Polliotto, presidente del comitato Unc - Il problema sta nel fatto che i rialzi sono stati comunicati a sorpresa ai consumatori tra fine giugno e i primi di luglio, in concomitanza con i ritiri delle vetture per le partenze per le ferie. I nostri sportelli hanno registrato un 30% in più di lamentele e reclami rispetto all'estate 2021.
    Moltissimi i cittadini e famiglie che, a contratto concluso da tempo, si sono visti recapitare avvisi di adeguamento dei prezzi, pena il mancato utilizzo dell'auto, con il conseguente rischio di danno da vacanza rovinata". Ed è così che - conclude Patrizia Polliotto -. "utilitarie di fascia bassa passano improvvisamente da una tariffa media di 300 euro mensili più iva a 490 e oltre, idem per le vetture di segmento medio e alto, ove le cifre assumono un maggior peso rischiando di erodere i budget per le vacanze". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie