>ANSA-BOX/Screening Covid su 2.200 insegnanti Valle d'Aosta

Non sarà necessario chiudere scuole, come era stato ipotizzato

Redazione ANSA AOSTA

(ANSA) - AOSTA, 16 NOV - Per rallentare la circolazione del coronavirus nelle classi ancora aperte, la Valle d'Aosta avvierà nei prossimi giorni uno screening di test rapidi sui 2.272 insegnanti presenti nelle scuole dell'infanzia, primarie e al primo anno delle medie. Una maxi campagna di indagine epidemiologica che sarà effettuata tra il 20 e il 30 novembre, senza che sia necessario chiudere gli istituti, come era stato ipotizzato in un primo momento.
    "Le autorità sanitarie hanno assicurato che lo screening potrà essere realizzato rapidamente e con le scuole aperte: domani porterò in Giunta la proposta", spiega l'assessore regionale all'Istruzione Luciano Caveri. La regione alpina, zona rossa dal 6 novembre, ha la più alta incidenza di contagi da coronavirus con 2.266 attualmente positivi su una popolazione di circa 125 mila abitanti. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati ancora 99 nuovi casi e cinque decessi che si aggiungono agli oltre cento morti della seconda ondata.
    "Abbiamo bisogno di capire velocemente come si sta muovendo il contagio nella scuola", prosegue Caveri. L'obiettivo è interrompere subito l'effetto domino che i positivi (pochi) provocano sulle quarantene (tante) di coloro che frequentano l'ambiente scolastico.
    Per 120 contagiati (62 studenti, 49 docenti e 9 dipendenti) ci sono quasi mille isolati a casa. Per ora gli istituti che hanno posto in quarantena tutti gli studenti sono due: uno nel centro di Aosta e l'altro nel comune di Challand-Saint-Victor, ma la situazione è in continua evoluzione. "Continuiamo a rincorrere i casi positivi: rischiamo di arrivare presto alla saturazione, dovendo poi chiudere molte scuole". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA