Marche, lotta biologica con vespa samurai contro cimice asiatica

Carloni, strategia a tutela produzioni agroalimentari

Redazione ANSA ANCONA
(ANSA) - ANCONA, 04 LUG - A partire da domani 5 luglio, per il secondo anno consecutivo, il Servizio fitosanitario delle Marche effettuerà il rilascio della vespa samurai (Trissolcus Japonicus), insetto antagonista della cimice asiatica (Halyomorpha halys), per il controllo biologico del fitofago.

Nel 2022 ne è prevista l'introduzione in 11 siti di lancio, distribuiti in due specifici areali frutticoli del territorio marchigiano, in funzione del monitoraggio preliminare effettuato per la cimice asiatica sul territorio: a partire da quest'anno, oltre la provincia di Pesaro Urbino, sarà interessata anche quella di Ancona. Come per il 2021, le introduzioni del parassitoide avverranno, nella quasi totalità, lungo corridoi ecologici (siepi, aree ripariali), aree a basso o nullo input chimico, per garantire la sopravvivenza e la diffusione della vespa samurai. Per ogni sito di lancio e per ogni data di intervento, in totale verranno realizzati due lanci, verranno rilasciati 100 individui femmine già fecondate di vespa samurai e un 10 % di individui maschi, tutti allevati dal Dipartimento di Scienze agrarie alimentari ea ambientali dell'Università di Perugia, che fornisce il coordinamento e la consulenza scientifica. Le femmine deporranno le proprie uova all'interno di quelle della cimice asiatica uccidendole: al termine dello sviluppo embrionale, dall'uovo della cimice asiatica, invece di una neanide del fitofago, fuoriesce un adulto di vespa samurai.

La vespa samurai non è aggressiva, si nutre di polline e nettare e non attacca gli alveari. Prima di poterla utilizzare come agente di controllo biologico della cimice asiatica, è stato necessario valutare il suo impatto sull'ecosistema regionale. La vespa samurai, seppure non autoctona, è arrivata in Italia viaggiando con le merci, con le stesse modalità della cimice asiatica. Così il vicepresidente della Regione Mirco Carloni, assessore all'Agricoltura: "La tutela delle produzioni agroalimentari necessita di una strategia mirata che si pone l'obiettivo di garantire l'equilibrio del sistema. Anche in questo ambito la Regione Marche, attraverso Assam, tutela la salvaguardia delle produzioni agricole e vivaistiche a beneficio dei produttori e del territorio". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie