Turismo, il mercato online in calo del 60%

Viaggi d'affari scendono a 7,6 miliardi in diminuzione del 63%

di Cinzia Conti ROMA

 ROMA -L'anno della pandemia ha avuto effetti pesanti sull'economia mondiale andando a travolgere in particolare l'ecosistema dei viaggi in Italia e in tutto il mondo. La sola componente digitale del mercato del travel italiano - emerge dalla settima edizione dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano - ha infatti subito un calo di oltre 9 miliardi di euro rispetto al 2019 (-60%) ed è scesa a 6,2 miliardi. Prevalgono ancora le prenotazioni effettuate da desktop (65% del totale), ma il mobile assume più rilevanza (35%) e registra una decrescita inferiore rispetto al mercato (-39%). Quello dell'intermediazione 'tradizionale' ante-Covid-19 era un mercato tutt'altro che in crisi ma per loro, come per il tour operating, fortemente dipendenti dai flussi outgoing, il 2020 è stato un anno di sopravvivenza, con un calo del fatturato tra il 60% e il 95%. Per il 2021 è prevista una parziale ripresa, nell'ordine di un terzo dei volumi realizzati nel 2019. L'impatto è meno marcato su ospitalità, trasporti di terra e di mare e attrazioni, che sono riusciti, mediamente, a mantenere il fatturato in una forbice tra il 40 e il 60% rispetto al 2019, grazie soprattutto al turismo di prossimità. La spesa complessiva per i viaggi d'affari scende a 7,6 miliardi di euro, in diminuzione del 63% sull'anno precedente. Il mercato nazionale (3,2 miliardi di euro) realizza la performance "migliore" (-56%), quello internazionale (4,4 miliardi) si riduce di due terzi (-67%). Per il 2021 si prevede una parziale ripresa grazie a un'esperienza turistica che punta a essere sempre più continuativa e non limitarsi al tradizionale periodo di ferie, tra smart working (il 39% delle strutture ricettive italiane ha ospitato clienti in lavoro da remoto nel 2020) e offerta di contenuti fruibili online o di prodotti del territorio tramite eCommerce. "Gli attori dell'offerta che riusciranno a superare questa crisi - spiega Eleonora Lorenzini, direttore dell'Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo - si trovano di fronte alla possibilità di accelerare verso cambiamenti già in cantiere su temi come la digitalizzazione del journey, la sostenibilità e il neverending tourism (la possibilità di un'estensione dell'esperienza turistica, sia fisica che digitale, nello spazio e nel tempo). Una rinnovata capacità di collaborazione tra gli operatori del settore potrà essere humus fertile per accettare la sfida o, al contrario, rifugio per rimanere ancorati a vecchie logiche. A ciascuno decidere se scegliere la strada della recriminazione o la sfida dell'innovazione".

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie