Da Brian Eno a Piergiorgio Branzi, le mostre del weekend

A Milano creatività femminile da Alda Merini a Lucrezia Borgia

di Marzia Apice PERUGIA

     - Lo sguardo creativo di donne eccezionali, come Alda Merini e Lucrezia Borgia, le riflessioni su colore e immagini in relazione con l'antico di Brian Eno, e poi l'occhio indagatore di Piergiorgio Branzi: sono alcuni dei temi che animano le mostre del prossimo weekend.
    PERUGIA - La Galleria Nazionale dell'Umbria ospita dal 4 settembre al 10 gennaio "Brian Eno. Reflected", progetto espositivo dedicato all'artista visivo, compositore e musicista inglese. Tre Lightbox di Eno, con i loro "paesaggi di colore" auto-generati utilizzando una serie di luci a Led intrecciate, dialogheranno con i capolavori degli artisti più rappresentativi della collezione del museo umbro, quali Piero della Francesca (Polittico di Sant'Antonio), Beato Angelico (Polittico Guidalotti) e Perugino (Cristo morto in pietà).
    CERTALDO (FI) - "Stoner. Landing pages" è la mostra liberamente ispirata al romanzo "Stoner" di John Williams, in programma dal 5 settembre al 10 gennaio nella storica sede del Palazzo Pretorio di Certaldo. Organizzata nell'ambito della manifestazione "Ci sono sempre parole. [non]Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)" e a cura di Cinzia Compalati ed Andrea Zanetti, la mostra presenta opere di artisti contemporanei - Emiliano Bagnato, Mauro Fiorese, Stefano Lanzardo, Roberta Montaruli, Eleonora Roaro, Jacopo Simoncini, Giuliano Tomaino e Zino - ai quali è stato chiesto di far rivivere le atmosfere del romanzo attraverso vari linguaggi, fotografia, istallazioni, musica, performance e video.
    BITONTO (BA) - Si è aperta il 30 agosto la mostra "Conversazioni con Francesco Speranza", curata da Francesco Paolo Del Re e allestita fino al 30 settembre presso il Museo Diocesano di Bitonto Mons. A.Marena. Il progetto ruota attorno a venti artisti contemporanei, tutti pugliesi di nascita, che dialogano attraverso le loro opere pittoriche con Francesco Speranza, pittore nato a Bitonto nel 1902. La relazione tra le opere, accostate secondo criteri ora tematici e ora formali, genera contrasti o assonanze, in un percorso che oscilla tra passato e presente.
    NOVARA - Chiude il 6 settembre al Castello Visconteo Sforzesco la mostra "Piergiorgio Branzi. Il giro dell'occhio. Fotografie 1950-2010" che presenta 60 lavori in bianco e nero del fotografo toscano, realizzati nel corso della cinquantennale carriera.
    Tanti i temi affrontati nel percorso, legati in particolare alle città, come Mosca e Parigi, e alle culture del Mediterraneo.
    MILANO - Testimonianze e documenti di quattro donne, quali Lucrezia Borgia, Virginia de Leyva, Gaetana Agnesi e Alda Merini, per rappresentare la creatività femminile in vari campi di indagine: ultima occasione per visitare alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana la mostra "Autografi femminili dalle collezioni dell'Ambrosiana", in chiusura il 6 settembre.
    MODENA - "PAM! Privatissima. Arte Modena 2020" è la mostra (a cura di Sergio Bianchi, Alessandro Mescoli e Federica Sala) che dal 5 settembre al 7 novembre accende i riflettori sullo stato dell'arte a Modena. Disseminato in 3 sedi diverse (Palazzo Piella a Castelfranco Emilia, Palazzo Ducale a Pavullo nel Frignano, Torrione medievale a Castelnuovo Rangone), il progetto si focalizza su una trentina di artisti contemporanei che operano in diversi ambiti: pittura, scultura, fotografia, video, installazione, ceramica, fumetto. 
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie