Le mostre online del week end, da Zuccari al contemporaneo

Proseguono iniziative online, all'aperto e su appuntamento

di Marzia Apice FIRENZE

Iniziato il nuovo anno, mentre i musei attendono con ansia di conoscere la data in cui sarà possibile aprire di nuovo le porte al pubblico, proseguono gli appuntamenti online, all'aperto e su appuntamento negli spazi espositivi più piccoli.

FIRENZE - "A riveder le stelle" è il titolo della grande mostra digitale dedicata ai disegni di Federico Zuccari sulla Divina Commedia di Dante e presentata dagli Uffizi come primo appuntamento delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta. Per la prima volta il pubblico potrà ammirare sul sito del museo ogni più piccolo dettaglio delle opere (un totale di 88 fogli, tutti digitalizzati in alta definizione) che il pittore realizzò alla fine del '500.

ROMA - Riapre il 7 gennaio la personale di Franco Mazzucchelli "I love multiple", allestita negli spazi di Gaggenau DesignElementi, che presenta 10 opere inedite del maestro dei gonfiabili. Curata da Sabino Maria Frassà, direttore artistico di Cramum, e prorogata fino al 5 febbraio, la mostra (visitabile solo su appuntamento) documenta la riflessione dell'artista in 50 anni di carriera sulla riproducibilità e sulla ripetizione nell'arte contemporanea.

VENEZIA - Inaugura l'8 gennaio "Everybody's got something to hide except me and my monkey", collettiva in programma negli spazi artigianali di Legno & Legno fino al 7 febbraio, presentata da Giudecca Art District e Accademia di Belle Arti di Venezia. Il percorso, che indaga come l'arte visiva sia stata da sempre strumento di narrazione di verità e bugia, si compone delle opere di 23 studenti dell'istituzione veneziana, alcuni dei quali alla prima esperienza fuori dal contesto accademico.

MILANO - Ha aperto poco prima delle festività natalizie la mostra "Philippe Daverio a Milano", organizzata da Cittadella degli Archivi di via Gregorovius 15, in collaborazione con il Master Digital Humanities della Statale e la famiglia Daverio, e allestita fino al 20 marzo (per ora è visitabile solo online sul sito philippedaverioamilano.it): il percorso racconta l'attività e i tanti progetti che il critico d'arte scomparso a settembre scorso realizzò per il Comune di Milano, quando dal 1993 al 1997 venne nominato assessore alla cultura. Per la mostra sono stati raccolti ed esposti alcuni documenti ufficiali relativi al periodo dell'assessorato Daverio, la rassegna stampa dell'epoca, fotografie e un abito dello stesso Philippe.

SAVONA - Le "Vetrine d'Artista" di Banca Carige, nel centro storico di Savona, dal 4 gennaio sono dedicate a Vittorio Patrone in una mostra a cura di Silvia Bottaro. Esposte fino al 5 febbraio, le opere documentano la sperimentazione dell'artista con i colori acrilici in pittura e la ricerca con la ceramica.

NAPOLI - Prosegue fino al 31 gennaio "Il Mann per la città" promosso dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Il Mann dunque punta sugli spazi esterni per valorizzare l'arte con una serie di iniziative: dodici tavole del calendario Comix sono riprodotte sul rivestimento dei cantieri del Museo e, di sera, vengono illuminate dai fasci di luce dell'edificio; nella Galleria Principe sono riproposti dettagli dei fotomontaggi di "Fuga dal Museo" di Dario Assisi e Riccardo Maria Cipolla su grandi totem disposti in un allestimento circolare; infine nei Negozi Amici, che si trovano nelle arterie viarie limitrofe al museo, è possibile ammirare un'opera originale o una sua riproduzione.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie