La Galleria Borghese riapre il Deposito

Visite guidate gratuite ogni mercoledì e giovedì su prenotazione

Redazione ANSA ROMA

ROMA - La tela di Sassoferrato raffigurante le tre età dell'uomo, copia da Tiziano; la Sacra famiglia con Santa Elisabetta di Scipione Pulzone; o ancora, Un mendicante di Jusepe de Ribera, detto lo Spagnoletto. E poi, oltre a dipinti su tavola e tela, anche olii su rame, su lavagna, micromosaici e commessi di pietre dure, come ad esempio il Cardinale Rosso, un piccolo quadro con un uccellino realizzato accostando pietre semi preziose di diverso formato e colori. Sono alcune delle opere presenti nel grande Deposito della Galleria Borghese, che, dopo la chiusura forzata dei mesi scorsi, torna a essere un luogo aperto e accessibile alla collettività.

La Galleria Borghese - divenuta con i suoi 111 mila follower il terzo museo più seguito in Italia grazie all'attività sui social svolta durante il lockdown - riapre infatti la visita guidata negli affascinanti spazi di quella che può essere considerata a buon diritto la "seconda pinacoteca" del museo romano.

Al via dunque le visite guidate gratuite svolte dal personale del museo, ogni mercoledì e giovedì alle ore 16.30, per ammirare il deposito organizzato su due livelli: un luogo magico, dove le opere, seguendo i canoni delle gallerie seicentesche, sono ordinate per scuole di pittura e per aree tematiche e complete di tutti gli apparati espositivi. La prenotazione è obbligatoria, nel rispetto delle misure di sicurezza, al numero 06 67233753 oppure all'indirizzo ga-bor@beniculturali.it.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie