Uffizi riportano capolavori Rustichino 'a casa' nel Senese

Mostra per museo diffuso fa riscoprire pittore '600 a Casole

Redazione ANSA CASOLE D'ELSA (SIENA)

CASOLE D'ELSA (SIENA) - Gli Uffizi portano 'L'Allegoria della Pittura e dell'Architettura', dipinto del pittore caravaggesco senese del primo '600, Francesco Rustici detto Rustichino, nel museo di Casole d'Elsa (Siena). L'opera è al centro della mostra 'Francesco Rustici detto il Rustichino (1592-1626) e la famiglia. Due generazioni di artisti attivi a Casole d'Elsa', curata dalla direttrice del museo Patrizia La Porta e rimarrà in esposizione fino al 7 agosto. "Uno dei capolavori della pittura senese presenti nelle raccolte degli Uffizi - ha detto il direttore Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt - Qui a Casole acquista un significato nuovo, legato al territorio e alla storia, a una rete di relazioni familiari che resero questo pittore un grande nel panorama del Seicento in Italia".
    Il dipinto fu eseguito per i Medici intorno al 1621-1622.
    Nell'opera due giovani donne, personificazioni della Pittura e dell'Architettura, si identificano grazie agli strumenti delle rispettive arti, cioè disegno, pennelli e compasso. In mostra il dipinto, grazie al progetto degli Uffizi diffusi, si confronta con la tela, sempre del Rustici, raffigurante una dolcissima Santa Caterina che scambia il cuore con Gesù. Quest'opera, appartenente al museo di Casole, è datata intorno al 1615, di poco successiva agli affreschi realizzati dal pittore, insieme al padre Vincenzo, per la locale chiesa di San Niccolò. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie