Pesticidi, Lussemburgo vieterà i prodotti con glifosato

Dal 1 febbraio stop alle vendite e poi all'uso, primo Paese Ue a farlo

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Dal primo febbraio il Lussemburgo comincerà a ritirare dal commercio tutti i prodotti e le formulazioni contenenti glifosato. Il Granducato è il primo Paese europeo a passare dalle parole ai fatti circa il divieto dell'erbicida, con un piano annunciato nel 2016 che prevede la fine delle vendite entro il 30 giugno e lo stop all'uso dal 31 dicembre prossimi. Secondo la procedura prevista a livello Ue, il Lussemburgo - dove sono registrati 15 prodotti contenenti glifosato - dovrà motivare la decisione, che può essere presa a livello nazionale su singole misure se si dimostra che esistono nuovi rischi per la salute e l'ambiente.

La procedura di rinnovo dell'autorizzazione dell'erbicida a livello Ue è cominciata in dicembre, la Germania ha annunciato una messa al bando dopo la fine del 2022 (quando scade la licenza attuale), il Parlamento austriaco aveva votato per il divieto nella fase in cui mancava il governo, senza però notificare la decisione all'Ue. A dicembre ha fatto marcia indietro. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie