Sassoli, senza l'Europa i nostri Paesi non ce la faranno

'Chi pensa di stampare moneta non aiuta nessuno'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Siamo dentro una grande battaglia politica, senza l'Europa i nostri Paesi non ce la faranno, quindi si tratta di indirizzare le scelte che farà l'Unione". Lo ha detto il presidente del Parlamento europeo David Sassoli al Tg3 alla domanda sul negoziato in corso in Europa. "C'è da superare questa fase di emergenza, ma poi ci sarà da ricostruire, dare lavoro, sostenere i salari, le imprese, e dare un futuro ai giovani", ha aggiunto. "Un piano europeo per la disoccupazione è già pronto, bene, ma adesso più che mai serve proteggere i Paesi che devono spendere i soldi per questa emergenza e quindi una garanzia sul debito che inevitabilmente i paesi faranno - precisa -. Si vorrà usare il fondo salva Stati senza condizionalità, oppure usare il bilancio dell'Ue, oppure ancora introdurre dei bond, limitati alle spese effettuate. Beh, abbiamo capito che senza una grande strategia, una grande azione di solidarietà sarà difficile difendere i nostri cittadini". 

"Non può esserci fallimento, ci possono essere solo scelte sbagliate. Ma la risposta giusta non cade dal cielo, è frutto di lavoro, di consenso, perché così funziona in democrazia", ha proseguito Sassoli rispondendo alla domanda del Tg3 se il rischio pandemia possa mettere in crisi il progetto ed il sogno europeo. "I Paesi che credono che oggi serva un'azione più solidale hanno buone ragioni, e anche in altri Paesi, anche nel nord, la discussione si è riaperta per la gravità della situazione - prosegue -. Siamo dentro una catastrofe, tutti coloro che fanno credere di avere la bacchetta magica o vogliono stampare soldi non aiutano nessuno". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie