Commercio: 80% merci contraffatte in Ue viene dalla Cina

Emerge da report Commissione europea su proprietà intellettuale

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Oltre l'80% delle merci contraffatte è oggetto di pirateria sequestrate dalle autorità doganali dell'Unione Europea proviene dalla Cina e da Hong Kong. Lo rende noto la Commissione Europea in un rapporto pubblicato oggi sulla protezione e l'applicazione dei diritti di proprietà intellettuale (DPI) nei paesi terzi. "Circa l'82% di tutte le esportazioni dell'Ue è generato da settori che dipendono dalla proprietà intellettuale - afferma in una nota il commissario al commercio, Phil Hogan - Le violazioni della proprietà intellettuale, incluso il trasferimento forzato di tecnologie, il furto, la contraffazione e la pirateria minacciano ogni anno centinaia di migliaia di posti di lavoro nell'Ue".

La relazione individua alcune zone geografiche su cui intervenire prioritariamente in base al livello di danno economico arrecato all'Unione: Cina, poi India, Indonesia, Russia, Turchia, Ucraina. Seguite da Argentina, Brasile, Ecuador, Malesia, Nigeria, Arabia Saudita e Tailandia. In queste zone l'Ue ha avviato azioni di supporto tecnico per l'adesione a trattati internazionali nel settore dei diritti di proprietà intellettuale. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie