Guardia di Finanza scopre attrezzi per il fitness taroccati

Sequestrati 20 macchinari, denunciati due titolari palestre

Redazione ANSA PALERMO

PALERMO - La contraffazione arriva anche in palestra. I finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo, in collaborazione con i colleghi del nucleo di Trapani, hanno sequestrato in due palestre a Cefalù (Pa) e Santa Ninfa (Tp), numerose attrezzature per il fitness riprodotte illegalmente. Le fiamme gialle hanno scoperto diversi attrezzi per l'allenamento risultati vere e proprie "copie" di noti macchinari dell'azienda italiana "Technogym" costruite violando il brevetto internazionale depositato dalla casa produttrice, ovvero riportanti il suo marchio contraffatto e tali da non garantire la sicurezza agli utenti. Panche, bilancieri e tapis roulant erano importati dall'estero, seppur all'apparenza identici agli originali. Complessivamente sono stati sequestrati 20 macchinari contraffatti per un valore complessivo di 65 mila euro; gli investigatori hanno inoltre denunciato - rispettivamente alla Procura della Repubblica di Termini Imerese e a quella di Sciacca - i gestori dei centri sportivi. L'attività descritte si inquadra nell'ambito del dispositivo di contrasto alla contraffazione, svolto dalla Guardia di Finanza a salvaguardia del "Made in Italy" e della sicurezza dei cittadini. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie