Olaf: maxi sequestro di rum contraffatto in Olanda a Natale

147mila bottiglie destinate alle tavole spagnole

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - A due giorni da Natale l'Ufficio Ue per la lotta antifrode(Olaf) e le autorità doganali olandesi hanno sequestrato in Olanda 147mila bottiglie con rum contraffatto per un valore di 2 milioni di euro, destinate alle tavole spagnole. Si tratta di uno dei più grandi sequestri di alcolici contraffatti. Lo rende noto l'Olaf in una nota.

Secondo quanto ricostruito, a seguito di alcune segnalazioni ricevute lo scorso luglio su un contrabbando di rum contraffatto tra i Paesi Bassi e la Spagna, gli investigatori dell'Olaf hanno intrapreso le indagini in cooperazione con le autorità spagnole e olandesi, identificando un deposito di rum contraffatto nei Paesi Bassi. L'operazione, del 23 dicembre scorso, condotta in collaborazione con l'azienda titolare del marchio della bevanda alcolica, ha dimostrato che il 96% delle bottiglie conteneva falso rum.

"Questo è un altro esempio di successo della cooperazione tra l'Olaf e le autorità doganali nazionali, che lavorano insieme per proteggere la salute dei cittadini dell'Ue e sostenere gli interessi delle aziende europee", ha dichiarato il direttore generale dell'Olaf Ville Itälä. E' in corso un'indagine collegata al caso sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie