Copyright: Siae, al via campagna per il sì alla direttiva Ue

Mogol, è un grido di dolore per dire 'Fate presto, fate subito'

Redazione ANSA

ROMA - Da Al Bano a Claudio Baglioni, da Milena Canonero ad Andrea Bocelli a Rosario Fiorello, da Paolo Sorrentino a Giuseppe Tornatore, da Carlo Verdone a Paolo Virzì: sono decine gli artisti, autori e personaggi della cultura che hanno firmato la lettera aperta, sul sito http://www.404copyright.it/ attivo da oggi, con cui il presidente della Siae Giulio Rapetti Mogol ha rivolto un appello al premier Giuseppe Conte, al ministro per i Beni e le attività culturali e il Turismo Dario Franceschini e al sottosegretario con delega all'editoria Andrea Martella "affinché venga recepita al più presto nel nostro ordinamento la direttiva europea sul copyright".

È "quello strumento che con tanta fatica noi autori abbiamo 'conquistato' a Bruxelles e poi a Strasburgo, strappando un testo nuovo, fondamentale, contro i giganteschi players della rete - scrive Mogol - Dal primo giorno mi sono precipitato nelle euro-stanze a gridare: loro hanno i miliardi, noi abbiamo ragione. Perché la cultura è moltissimo nella nostra vita - e ce ne siamo accorti in questi tremendi mesi - ma la cultura, se non è ricompensata, muore".

Oggi - ricorda una nota della Società degli autori ed editori - il diritto d'autore non è tutelato contro lo strapotere dei giganti del web: per questo le opere degli artisti, frutto del loro lavoro e della loro creatività, diventano come una pagina web alla quale non si può accedere. Da qui il nome della campagna lanciata da SiaeE, "404: copyright not found". Attraverso un semplice paragone, la mancanza di tutela del diritto d'autore sulla rete viene associata alla pagina 404 che è la pagina non trovata, come sa chiunque abbia mai navigato su internet.

"E' una battaglia che dobbiamo chiedere a tutti i cittadini italiani di condividere, affinché anche le generazioni future possano continuare a contare sulla creazione di opere che tutelano la nostra identità e le nostre vite", sottolinea Mogol.

Tra i firmatari, Stefano Accorsi, Cristiana Capotondi, Caterina Caselli, Carlo Conti, Carolina Crescentini, Maria Grazia Cucinotta, Christian De Sica, Roby Facchinetti, Roberto Faenza, Isabella Ferrari, Dante Ferretti, Ficarra, Beppe Fiorello, Rosario Fiorello, Paolo Fresu, Matteo Garrone, Claudia Gerini, Fabrizio Gifuni, Marco Tullio Giordana, Valeria Golino, Monica Guerritore, Caterina Guzzanti, Sabrina Impacciatore, Kaballà, Mario Lavezzi, Luciana Litizzetto, Piero Maccarinelli, Franco Micalizzi, Popi Minellono, Giovanni Minoli, Ennio Morricone, Gianna Nannini, Ferzan Ozpetek, Gino Paoli, Rocco Papaleo, Gue Pequeno, Gabriella Pescucci, Picone, Leonardo Pieraccioni, Nicola Piovani, Pivio, Michele Placido, Marco Pontecorvo, Alessandro Preziosi, Alfredo Rapetti Mogol, Danilo Rea, Tony Renis, Antonio Ricci, Gabriele Salvatores, Stefania Sandrelli, Claudio Santamaria, Riccardo Scamarcio, Sfera Ebbasta, Riccardo Tozzi, Renato Zero.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie