Musica: entrano in Soundreef Takagi&Ketra e Boombadash

Nuove firme scelgono anti 'Siae' per gestione diritti autore

Redazione ANSA

MILANO - Soundreef, il gestore indipendente di diritti d'autore, cresce sul mercato italiano con nomi di spicco come Alessandro Merli e Fabio Clemente, in arte Takagi & Ketra, i due produttori e hitmaker, Federica Abbate, definita dai media "penna di platino" per aver partecipato alla stesura di molti dei grandi successi degli ultimi anni.

Passa a Soundreef - sottolinea una nota - anche Danti (Two Fingerz), autore e produttore Angelo Cisternino e Angelo Rogoli, due delle voci della band salentina dei Boomdabash. "L'ingresso in Soundreef di professionisti di questo calibro, con brani spesso in vetta alle classifiche e capaci con le loro idee di produrre grandi successi, ci rende molto soddisfatti e orgogliosi del lavoro svolto in questi in anni" ha dichiarato Davide d'Atri, fondatore e AD di Soundreef S.p.A.

"Questo dimostra che il nostro impegno costante nell'innovare, velocizzare e ottimizzare la gestione dei diritti per autori ed editori ha creato servizi in grado di rispondere alle esigenze dei grandi protagonisti del mercato musicale. E ne siamo felici" dice Davide d'Atri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie