Fca-Psa: Manley, nessun ritardo fusione, serve tempo

Ci vorranno dai 12 ai 14 mesi

Redazione ANSA

BRUXELLES - Per la fusione "ci vorranno dai 12 ai 14 mesi perché ci sono molti ambiti in cui operiamo, non si tratta di un ritardo, è solo che ci vuole tempo": così l'ad di Fca Micheal Manley risponde a chi gli chiede se ci siano ritardi nel completamento della fusione con Psa.

Su quali saranno le conseguenze della fusione con Psa sugli stabilimenti Manlaey afferma che sia Fca che Psa "hanno una reputazione di essere molto snelle", quindi snellirle ancora di più "non è un obiettivo chiave" perché "la maggioranza delle sinergie verrà da piattaforme che verranno messe insieme, dall'aumento dei volumi prodotti dalle stesse piattaforme, dalle sinergie negli acquisti. Quello è il vero focus per noi". 

"Un'escalation dei dazi non è nell'interesse di nessuno, dal nostro punto di vista ci serve certezza, così possiamo pianificare la produzione". Manley si è detto fiducioso che attraverso un dialogo serio tra le parti "una soluzione amichevole può essere possibile".

Mentre sul Green Deal della Ue Manley ritiene che "deve essere utilizzato come un mezzo per rafforzare la competitività e la nostra industria, ed è ancora più importante visto che affrontiamo un mercato in contrazione: la previsione è che dopo sei anni consecutivi di crescita, le vendite delle auto caleranno del 2% nel 2020". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: