Brexit: nasce il nuovo 'Gruppo di lavoro' dell'Eurocamera

Focus su relazioni future con Gb. Tra i membri c'è anche Tajani

Redazione ANSA

BRUXELLES - Lavorare in stretto contatto con il capo negoziatore Ue Michel Barnier e con le commissioni parlamentari competenti per i dossier fondamentali per le future relazioni con il Regno Unito. Sono i compiti principali del gruppo di contatto del Parlamento europeo sulle future relazioni dell'Ue con la Gran Bretagna, che si è riunito per la prima volta ieri a Bruxelles dopo la presentazione, questa settimana, della bozza di mandato per la trattativa con Londra da parte di Barnier.

A far parte del gruppo di contatto, che sarà guidato dal presidente della commissione Affari esteri (Afet) David McAllister, ci saranno il presidente della Conferenza dei presidenti di commissione, Antonio Tajani, il presidente della commissione Commercio internazionale (Inta), Bernd Lange, e la presidente della sottocommissione Sicurezza e difesa (Sede), Nathalie Loiseau.

I dossier più importanti per le future relazioni con il Regno Unito passeranno infatti proprio per le commissioni Afet, Inta e Sede. Ogni gruppo politico potrà inoltre nominare un rappresentante all'interno del gruppo (Renew Europe ha già indicato Morten Helveg). Il ruolo del nuovo gruppo di contatto sarà meno dirigenziale di quello del Brexit Steering Group. I suoi compiti principali saranno, da un lato, quello di curare le relazioni con Barnier e, dall'altro, quello di coordinarsi con le commissioni parlamentari competenti per il lavoro legislativo sulle future relazioni con Londra.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie