Consumatori: Ue, nuovo passo verso ricorsi collettivi

Direttiva post scandalo Dieselgate. Ora parte negoziato con Pe

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 28 NOV - Nuovo passo avanti verso il nuovo sistema di ricorsi collettivi. Il Consiglio ha adottato la sua posizione sulla proposta della Commissione sulle "azioni rappresentative a tutela degli interessi collettivi dei consumatori", e ora possono partire i negoziati con il Parlamento europeo. "Le nuove regole consentiranno ai consumatori di far valere i propri diritti non solo individualmente ma collettivamente, e darà il potere ad 'entità qualificate' di lanciare azioni per conto dei consumatori", spiega la Commissione Ue. "Casi come lo scandalo Dieselgate, che ha causato danni diffusi, hanno evidenziato la necessità di azione a livello Ue", hanno detto i commissari Frans Timmermans e Vera Jourova, accogliendo il passo avanti del Consiglio.

Soddisfatta anche l'associazione dei consumatori Ue (Beuc), che chiede ora ai negoziatori di fare attenzione a creare un sistema facile da usare ed efficace. Bene anche per il gruppo dei socialisti e democratici al Parlamento Ue, che però chiede di evitare che la burocrazia nazionale freni le nuove entità che faranno valere i diritti. La Confindustria Ue (Business Europe) mette invece in guardia dal creare un sistema che alimenti "controversie legali opportunistiche, spesso mosse da terze parti" interessate.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: