Banche: Corte Ue, obbligate a contributi fondo risoluzione

Anche se sono state oggetto di fusioni transfrontaliere

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 14 NOV - "L'obbligo delle banche di versare il contributo ordinario al Fondo di Risoluzione Nazionale sorge ogni primo gennaio e resta invariato tutto l'anno, nonostante le fusioni transfrontaliere mediante incorporazione": lo ha stabilito la Corte di Giustizia della Ue, nelle conclusioni di una causa che vede la banca tedesca State Street contro Bankitalia.

La State Street Bank International ha esercitato, fino al 5 luglio 2015, la sua attività in Italia per mezzo di una banca autonoma, State Street Bank. Dal 6 luglio 2015, in seguito all'incorporazione di quest'ultima, la State Street Bank International ha continuato ad esercitare la sua attività sul territorio italiano per mezzo di una succursale. E si è rifiutata di versare il contributo al Fondo di Risoluzione ritenendo che il suo nuovo status la esentasse.

La Corte Ue ha invece concluso che i cambiamenti di status, "comprese le fusioni mediante incorporazione transfrontaliere", non incidono sugli obblighi contributivi ordinari della banca, ma semmai su quelli straordinari, che non sono prevedibili.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: