Von der Leyen, approvare accordo, ogni giorno conta

Merkel: 'In Ue deve esserci accordo questa estate'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "I prossimi sei mesi saranno determinanti per il futuro Ue. Dobbiamo forgiare un accordo per il Next generation Ue e per il bilancio pluriennale al Consiglio europeo e dobbiamo essere sicuri che questo pacchetto sia approvato dal Parlamento Ue e ratificato dagli stati membri". Così la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. "C'è una enorme pressione sul tempo, e la crisi che determina il ritmo, ogni giorni perso le persone perderanno il lavoro, ci sarà un indebolimento delle nostre economie, ogni singolo giorno conta".

"Deve esserci comunque per questa estate un accordo, non so immaginare un'altra variante", ha detto Angela Merkel a proposito del negoziato in Europa sul Recovery fund e sul Quadro pluriennale del bilancio. La cancelliera ha sottolineato di volare a Bruxelles il 17 luglio per arrivare a un accordo a luglio, "ma se non ci sarà dobbiamo continuare a lavorare".

"Abbiamo avuto una crisi senza precedenti che necessita risposta senza precedenti e la cosa che trovo positiva è che abbiamo visto che al Consiglio c'è una completa unanimità proprio su questo" ha ribadito von der Leyen. "C'è unanimità nell'approccio che riguarda il Next generation Eu - ha aggiunto -. Naturalmente ci sono ancora molti dettagli da negoziare, sulla dimensione, sui prestiti e sovvenzioni, e questo è fuori questione".

"Voglio ribadire chiaramente che vogliamo lavorare su un accordo" con il Regno Unito "ma non a qualsiasi prezzo" e "oggi siamo ancora distanti dall'avere un comune denominatore" e "dobbiamo prepararci a qualsiasi risultato", ha detto  la presidente della Commissione Ue. "Vogliamo negoziare condizioni eque per le nostre imprese e l'integrità del nostro mercato interno" e "dovremo lavorare a pieno ritmo con la presidenza di turno Ue tedesca".

Sulla Brexit "Voglio ribadire chiaramente che vogliamo lavorare su un accordo" con il Regno Unito "ma non a qualsiasi prezzo" e "oggi siamo ancora distanti dall'avere un comune denominatore" e "dobbiamo prepararci a qualsiasi risultato", ha detto von der Leyen.  "Vogliamo negoziare condizioni eque per le nostre imprese e l'integrità del nostro mercato interno" e "dovremo lavorare a pieno ritmo con la presidenza di turno Ue tedesca".

Rispondendo a una domanda su Ungheria e Polonia von der Leyen ha detto: "la proposta della Commissione europea pone l'enfasi sullo questione dello stato di diritto", e riguarda il fatto che "i fondi europei siano usati in modo appropriato" . "Vogliamo che i fondi europei siano usati bene e questo è nell'interesse dei 27 - ha aggiunto -. Non è una situazione che riguarda un paese in particolare ma deve essere un elemento essenziale del pacchetto che concluderemo al Consiglio europeo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: