Rapina a portavalori in Ticino, indagati 5 italiani

5 uomini e 1 donna. Due arrestati da Cantonale e Carabinieri

(ANSA) - MILANO, 13 AGO - Due persone sono state arrestate a conclusione di un'indagine congiunta della Polizia cantonale svizzera e dei Carabinieri di Varese, riguardante una rapina ai danni di un furgone portavalori avvenuta il 5 luglio 2019 a Molinazzo di Monteggio, in Canton Ticino.
    Due le persone arrestate: un italiano 46enne, residente in Italia, attualmente in detenzione in Ticino, e un italiano di 63, fermato in Polonia a seguito di un mandato di cattura internazionale spiccato dalla magistratura ticinese.
    Complessivamente cinque uomini e una donna, tra i 24 e i 67 anni, tutti cittadini italiani, risultano sotto inchiesta poiché coinvolti con ruoli diversi nei fatti.
    Gli accertamenti si sono sviluppati in momenti distinti e lungo due filoni di indagine che in parte sono venuti a convergere nel corso del tempo. Le verifiche si sono dapprima concentrate su una serie di sospetti relativi all'incursione di Molinazzo di Monteggio, è emerso così che parte delle persone oggetto delle verifiche stava pianificando nuovi atti criminali in territorio ticinese. Ne è nato un ulteriore indagine che, lo scorso ottobre a Chiasso, ha portato all'arresto del 46enne. Il 63enne era stato arrestato a febbraio.
    Le accuse a vario titolo sono di rapina aggravata, sequestro di persona e rapimento, infrazione alla Legge sulle armi, e atti preparatori punibili alla rapina. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano
      Aeroporto Malpensa



      Modifica consenso Cookie