Piemonte
  1. ANSA.it
  2. Piemonte
  3. L'omicidio della 'signora in rosso', la procura di Torino riapre il caso

L'omicidio della 'signora in rosso', la procura di Torino riapre il caso

Trovata morta sotto cavalcavia nel '91. Anche il marito tra gli indagati

Si riapre dopo oltre trent' anni il giallo sull'omicidio di Franca Demichela, cult della nera torinese fin qui irrisolto passato alle cronache come il delitto della signora in rosso. La procura ha chiesto e ottenuto la riapertura del fascicolo per condurre indagini su reperti scovati all'epoca degli investigatori; profili genetici e tracce di Dna custoditi e oggi analizzabili attraverso nuove tecniche scientifiche di cui non si disponeva all'epoca. Cinque le persone iscritte nel registro degli indagati, formalmente per poter effettuare gli accertamenti irripetibili, secondo quando riferito dai quotidiani sulle pagine locali. Sono l'ex marito della vittima Franco Capra e quattro nomadi che erano stati visti in compagnia della donna prima dell'omicidio. Persone già finite sotto inchiesta e poi scagionate nel corso degli anni.
    Il cadavere della donna, all'epoca 48enne, venne trovato tra i rifiuti il 15 settembre 1991 a Moncalieri (Torino), sotto il viadotto della tangenziale, da un clochard. Strangolata, venne identificata grazie alla segnalazione della commessa di una boutique del centro di Torino, che riconobbe l'abito da una foto sul giornale. Da allora, per tutti, Franca Demichela diventa 'la signora in rosso'. Un caso mai irrisolto, che la procura di Torino prova ora a riaprire grazie alle nuove tecniche investigative. 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie