Camere commercio: Firenze, 1,3 mln per sostegno imprese

In governance Cciaa entra Bigazzi

(ANSA) - FIRENZE, 29 OTT - Nuovi fondi a sostegno delle imprese per affrontare l'emergenza economica e ingresso, nella governance della Camera di commercio di Firenze, di Maurizio Bigazzi, presidente di Confindustria Firenze, in sostituzione della dimissionaria Laura Innocenti. Sono queste le novità emerse oggi, in occasione del consiglio e della giunta camerali del capoluogo toscano.
    "A fronte della drammatica situazione - si legge in una nota - che molte attività stanno vivendo", per effetto "delle nuove restrizioni legate all'emergenza sanitaria, la Camera ha deciso di destinare 1,3 milioni di risorse aggiuntive a sostegno delle aziende, portando così l'impegno economico complessivo del 2020 a oltre 6,3 milioni. I nuovi fondi saranno destinati al bando sulla digitalizzazione (quasi un milione), chiuso il 31 luglio scorso, la cui dotazione era esaurita: rifinanziamento che consentirà di far arrivare il sostegno ad altre 200 imprese circa, per interventi su e-commerce e innovazione tecnologica; nuove risorse anche ai bandi su sanificazione e sicurezza in azienda, eventi internazionali su piattaforme informatiche (circa 300mila euro). Sono inoltre sempre aperti, e con fondi disponibili, i bandi per contributi alle spese di partecipazione a eventi nazionali online B2B, per sostenere le iniziative di filiera corta e per il rafforzamento patrimoniale delle cooperative. Tutti finanziamenti a fondo perduto".
    "Dare servizi e risorse economiche alle imprese, anche se nei limiti del nostro bilancio - commenta Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di commercio di Firenze -, è quello che la Camera può fare e sta facendo. Ma occorre anche dire con forza che, in questo momento, servono regole chiare e coerenti a livello nazionale e regionale, e servono interventi immediati per ridurre tasse e affitti commerciali, oltre ai ristori annunciati per le categorie più colpite, che mi auguro possano arrivare rapidamente. E poi auspico una visione almeno di medio periodo, che guardi al momento della ripartenza, puntando con la massima urgenza a far decollare tutti i cantieri e quegli investimenti infrastrutturali necessari a rendere competitivo il Paese". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie