Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Abc Agricola casearia bufalina: “Tradizione e innovazione per proporre la vera bufala Dop”

Pagine Sì! SpA

Tradizione e innovazione sono i principi fondamentali per portare sulla tavola degli italiani un prodotto d’eccellenza come la mozzarella di bufala Dop. “Perché - spiega Angelo Piccirillo, amministratore unico di Abc Agricola casearia bufalina - se procedure e modalità di lavorazione non possono che essere quelle storiche, previste dal Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, di cui siamo tra i primi tre soci fondatori, per la tracciabilità, la commercializzazione e la promozione del prodotto puntiamo sulla tecnologia e l’attenzione alle ultime novità”. L’obiettivo, infatti, è proporre un alimento storico come la mozzarella di bufala stando però al passo con i tempi.

Così, alla scelta di utilizzare solo latte dei capi allevati allo stato semi-brado nei propri allevamenti e in pochi altri selezionati e di lavorare a mano tutti i prodotti destinati al mercato interno, si aggiunge il Qr Code che accompagna ogni confezione e permette al consumatore di ricostruire tutto il percorso seguito dalla mozzarella che acquista. E non manca l’attenzione alla sostenibilità ambientale. “Stiamo riducendo sempre più l’uso di materie plastiche monouso, investendo in modelli alternativi di consumo e distribuzione incentrati su imballaggi riutilizzabili” racconta Piccirillo, facendo riferimento a Greta - evidentemente dedicata all’attivista per l’ambiente svedese Greta Thunberg - la mozzarella proposta all’interno di un contenitore di carta dotato di una pellicola sottile che rende impermeabile l’interno del barattolo, riciclabile secondo quanto previsto dalla normativa Europea Cpap/81.

L’innovazione per un’azienda storica coma Abc Agricola casearia bufalina, che vanta una tradizione lunga quasi 150 anni, passa anche dalla ricerca sul prodotto. È nata così, per esempio, la mozzarella di bufala Dop pensata specificamente per essere utilizzata sulla pizza. A cui si aggiunge un fiordilatte “realizzato solo con latte prodotto da mucche pezzate rosse allevate sul territorio, più ricco di grasso e proteine - spiega Piccirillo - Si tratta quindi di una mozzarella dal sapore più deciso, ricca di Omega 3 e caratterizzata dalla presenza di meno acqua”. Un prodotto che non a caso è già stato scelto da pizzaioli di fama mondiale per le loro preparazioni.   

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Modifica consenso Cookie