Responsabilità editoriale Obiettivo Europa

Erasmus+: alleanze per le abilità settoriali

Pubblicato il: 22 ottobre 2019 - Scadenza: 26 febbraio 2020

OBIETTIVO EUROPA

FINALITÀ - Le alleanze delle abilità settoriali sono progetti transnazionali che individuano o si basano su un fabbisogno di competenze esistente o emergente in un determinato settore economico e/o che traducono tale fabbisogno in programmi di formazione professionale in grado di soddisfarlo. Le Alleanze delle abilità settoriali sono destinate a progetti relativi all’istruzione e alla formazione professionale - IFP (Vocational Educational Training - VET ). Tuttavia, l’obiettivo dell’IFP va oltre il livello secondario superiore e include il livello post-secondario, il livello non terziario ma anche il livello terziario (ad es., università di scienze applicate, istituti politecnici, ecc.).

Le caratteristiche principali di un'alleanza delle abilità settoriali sono:

- L'innovazione in materia di istruzione e formazione professionale per profili professionali specifici in determinati settori economici (ove disponibile ESCO127:)

- L'impatto che va oltre la durata del progetto e le organizzazioni coinvolte nell'alleanza.

Le alleanze delle abilità settoriali si prefiggono di ovviare alle carenze di competenze individuando le esigenze settoriali specifiche esistenti e la domanda di nuove competenze per uno o più profili professionali (sul versante della domanda) oppure migliorando la capacità di rispondere dei sistemi IFP iniziale e continua, a qualsiasi livello (sul versante dell'offerta), alle esigenze settoriali specifiche del mercato.

Facendo riferimento ai dati relativi al fabbisogno di competenze, le alleanze delle abilità settoriali sostengono la progettazione e l’erogazione di contenuti di formazione professionale a livello transnazionale, oltre che di metodologie didattiche e formative.

Le alleanze delle abilità settoriali per la cooperazione settoriale strategica sulle competenze individuano ed elaborano azioni concrete intese a favorire l'incontro tra domanda e offerta di competenze a sostegno della strategia generale di crescita specifica di ciascun settore. I progetti contribuiranno al miglioramento della qualità e della pertinenza dei sistemi di istruzione e di formazione professionale europei.

Ciò deve avvenire attraverso azioni che mirano al conseguimento dei seguenti obiettivi:

- Sviluppo di approcci strategici allo sviluppo di competenze settoriali, attraverso partenariati sulla cooperazione sostenibile tra parti interessate nelle autorità di settore e pubbliche

- Identificazione delle esigenze sulle competenze esistenti ed emergenti nelle professioni di settori specifici, e integrazione di tali informazioni nel panorama delle competenze europeo

- Rafforzamento dello scambio di conoscenze e di pratiche tra gli istituti di istruzione e formazione IFP e il mercato del lavoro, con particolare riferimento agli attori settoriali

- Promozione di qualifiche settoriali rilevati e accordo sul supporto ai fini del loro riconoscimento

- Costruzione della fiducia reciproca, facilitando la certificazione transfrontaliera e dunque agevolando la mobilità professionale nell'ambito di un dato settore, e accrescendo il riconoscimento delle qualifiche a livello europeo nell'ambito di un determinato settore

- Adattamento della fornitura IFP alle esigenze sulle competenze, rivolgendo l’attenzione alle abilità specifiche per le professioni e alle competenze chiave

- Integrazione dell’apprendimento basato sul lavoro nell’offerta IFP, accompagnata, ove possibile da un’esperienza internazionale, e sfruttamento del suo potenziale di guidare lo sviluppo economico e l’innovazione, accrescendo la competitività dei settori interessati

- Pianificazione del progressivo trasferimento dei risultati del progetto, affinché producano effetti a livello sistemico sotto forma di adattamento costate della fornitura IFP alle esigenze in fatto di competenze, sulla base di partenariati sostenuti tra fornitori e le principali parti interessati del mercato del lavoro a livello appropriato (“cicli di feedback”). La pianificazione deve identificare e coinvolgere le parti interessate nazionali e/o regionali chiave, assicurando al contempo l’ampia diffusione dei risultati.

ENTITÀ DEL CONTRIBUTO - Le attività di progetto dovranno rientrare in uno dei seguenti Lotti: 

Lotto 1: Alleanze delle abilità settoriali per la progettazione e l’erogazione dell’IFP

Lotto 2: Alleanze delle abilità settoriali per l'attuazione di un nuovo approccio strategico ("piano") alla cooperazione settoriale sulle competenze

Il contributo concesso si divide quindi come segue:

Lotto 1 Alleanze delle abilità settoriali per la progettazione e l’erogazione di IFP:

Bilancio indicativo totale: € 6.000.000
Contributo UE massimo assegnato a un progetto (2 anni): € 700.000
Contributo UE massimo assegnato a un progetto (3 anni): € 1.000.000

Lotto 2 Alleanze delle abilità settoriali per l’attuazione di un nuovo approccio strategico (Piano) alla cooperazione settoriale sulle competenze

Bilancio indicativo totale: € 24.000.000
Contributo UE massimo assegnato a un progetto (4 anni): € 4.000.000

Il co-finanziamento massimo ammonta all'80% dei costi ammissibili.

Attenzione! Il bilancio del progetto deve essere redatto sulla base del sistema dei costi unitari. Il sistema dei "costi unitari" è una forma semplificata di definizione dell'importo della sovvenzione. Per sua natura, tali forme semplificate di sovvenzioni sono contributi ai costi principali di un progetto, e non rimborsi alle spese realmente sostenute in relazione a specifiche attività del progetto stesso. In caso di progetti nell'ambito delle alleanze per la conoscenza, i costi unitari definiti sono applicati alla componente relativa al personale di un progetto. Si tratta di contributi predefiniti, stabiliti per giornata lavorativa per categoria di lavoratore.

Responsabilità editoriale di Obiettivo Europa.
Per leggere l'articolo completo, registrati su Obiettivo Europa, per attivare il periodo di consultazione gratuita per 15 giorni.