Puglia
  1. ANSA.it
  2. Puglia
  3. Salute & Welfare
  4. A Bari l'app che trascrive le cartelle cliniche per ricerca

A Bari l'app che trascrive le cartelle cliniche per ricerca

All'Istituto tumori "Giovanni Paolo II" del capoluogo pugliese

(ANSA) - BARI, 09 MAG - Pochi click per trasferire i dati sullo stato di salute dei pazienti dalla cartella clinica alle banche dati dei principali laboratori di ricerca. È questa la sfida di Argo (Automatic Record Generator for Onco-hematology), un generatore automatico di record elettronici in onco-ematologia, sviluppato e già in uso nel laboratorio di ematologia dell'Istituto tumori "Giovanni Paolo II" di Bari.
    Nato da un'idea dell'ingegnere Gian Maria Zaccaria e del dottor Sabino Ciavarella del laboratorio di Ematologia dell'istituto oncologico barese, realizzato in collaborazione con il Politecnico di Bari, nell'ambito di una sperimentazione clinica no-profit, Argo nasce dalla necessità di facilitare il processo di registrazione, accesso e utilizzo dei dati relativi allo stato di salute dei pazienti. Questi dati, raccolti spesso in modo frammentato e disomogeneo sui registri medici, sono indispensabili non solo per il singolo paziente e per il suo percorso di cura ma anche per la ricerca: i dati biologici e clinici, raccolti su vasta scala, sono necessari per conoscere meglio la malattia, fare diagnosi e definire la prognosi delle malattie.
    Per poter usare i real world data, però, è necessario registrarli, renderli facilmente accessibili, validarli, standardizzarli. Di qui, la proposta dei ricercatori dell'Istituto Tumori: Argo converte automaticamente i dati clinici e biologici non strutturati in schede elettroniche di raccolta di dati. "Dal laboratorio al letto del paziente e dal letto del paziente al laboratorio", commenta il direttore generale Alessandro Delle Donne. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie