DIRETTA MONDIALI

Risultato finale
Danimarca 1
Australia 1
21/6 - 17:00
Francia -
Perù -
21/6 - 20:00
Argentina -
Croazia -
L'Albo d'oro
  • 1930
  • 1934
  • 1938
  • 1950
  • 1954
  • 1958
  • 1962
  • 1966
  • 1970
  • 1974
  • 1978
  • 1982
  • 1986
  • 1990
  • 1994
  • 1998
  • 2002
  • 2006
  • 2010
  • 2014

Tunisia

Tunisia (foto: EPA)

Tunisia

Obiettivo vincere almeno una partita

Russia 2018 sarà la quinta partecipazione alla fase finale di un Mondiale per la Tunisia. L'ultima apparizione delle 'aquile' risale a Germania 2006. In precedenza altre due qualificazioni consecutive ma dopo il Mondiale tedesco una pausa lunga dodici anni. E ora la Tunisia è pronta per giocarsi di nuovo una Coppa del mondo anche se in un girone difficile. è infatti inserita nel gruppo G con Inghilterra, Belgio e Panama con un obiettivo, vincere almeno una partita di Coppa del Mondo visto che l'unico successo tunisino risale ai Mondiali '78 in Argentina.
Commissario tecnico della nazionale della Tunisia è un allenatore con grande esperienza nel calcio tunisino e arabo, Nabil Maaloul che ha anche vestito la maglia della nazionale da calciatore. Maaloul aveva già ricoperto per un breve periodo l'incarico di ct della Tunisia nel 2013, per poi tornare nel 2017 dopo una deludente Coppa d'Africa e contribuire alla qualificazione per i Mondiali. La Tunisia ha chiuso le qualificazioni vincendo il girone A della Caf battendosi fino all'ultimo con la Repubblica Democratica del Congo.
Incassato il 'no' alla maglia della nazionale di Rani Khedira, fratello dello juventino Samir, Maaloul sfrutta uno zoccolo duro del campionato tunisino a cui vanno aggiunti i pochi stranieri. Khazri è il fuoriclasse, in prestito al Rennes dal Sunderland, è un esterno d'attacco ma nemmeno lui è sempre stato utilizzato. Alla base c'è uno studio della gara metodico, in cui gioca solo chi può essere determinante nella gara. Per questo ha il posto quasi sempre assicurato Chaalali, un recuperatore di palloni da centrocampo in muraglia, capace però anche di andare al tiro e offrire corsa. La Tunisia in versione Mondiale è composta da calciatori che giocano quasi sempre nei propri club e che hanno voglia di sfruttare l'occasione che il calcio ha dato loro dopo dodici anni. Capitano è Aymen Mathlouthi. Tra i convocati della Tunisia, sicuramente l'uomo di maggior talento in grado di garantire anche qualche giocata è il numero dieci Wahbi Khazri, protagonista in questa stagione con il Rennes in Ligue 1, mentre non ci sarà una delle sue stelle, Youssef Msakni: il fantasista delle 'Aquile di Cartagine' e dell'Al-Duhail, squadra del Qatar, ha riportato la rottura dei legamenti del crociato di un ginocchio durante la partita di campionato vinta per 5-2 contro l'Al-Sailiya l'8 aprile scorso ed è stato operato il 3 maggio scorso negli Stati Uniti.
Nelle precedenti partecipazioni alla coppa del Mondo le 'Aquile di Cartagine' hanno vinto solo una partita, nella prima partecipazione nel 1978 in Argentina (3-1 al Messico), prima nazionale africana in assoluto a vincere una partita di coppa del mondo. Il bilancio complessivo è di una vittoria, quattro pareggi e sette sconfitte.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA