Italia 51/a per corruzione, pesano mafie

'Il Paese rallenta la scalata, diversi i problemi irrisolti'

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - L'Italia è 51/a nel mondo con un punteggio di 53 punti su 100 nel ranking della percezione della corruzione di Transparency International. Guadagna un voto e due posizioni rispetto all'anno scorso, appaiata ad Arabia Saudita e Ruanda, e un gradino sotto a Malta. La classifica del Cpi (indice di percezione della corruzione in 180 Paesi) segnala due questioni: è lontana la sufficienza pur avendo guadagnato 12 punti dal 2012 e rallenta la scalata alla classifica, dominata anche quest'anno da Danimarca e Nuova Zelanda. In Europa fanno bella figura anche Finlandia e Svezia, mentre Bulgaria, Romania e Ungheria occupano le ultime posizioni. Spicca la caduta di Canada (-4 punti), Francia e Regno Unito (-3) e perdono due punti anche gli Usa (a 69 contro i 71 precedenti). "Siamo lieti di vedere un ulteriore miglioramento", osserva Virginio Carnevali, presidente di Transparency International Italia "ma speravamo in qualcosa di più. Il rallentamento è dovuto a problemi che il nostro Paese si trascina e non risolve".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie