• Dal premier Conte ai leader sindacali, le reazioni allo sciopero dei giornalisti ANSA

Dal premier Conte ai leader sindacali, le reazioni allo sciopero dei giornalisti ANSA

Dopo lo stop di 48 ore proclamato contro i provvedimenti annunciati dall'azienda. L'appello di Conte: 'Partecipe pensiero a tutti i lavoratori, i giornalisti

Redazione ANSA

Dal mondo della politica a quello delle istituzioni ai sindacati sono molte le prese di posizione a sostegno dell'iniziativa dell'assemblea dei giornalisti che ha indetto due giorni di sciopero ed è tuttora in stato di agitazione. Anche il presidente del Parlamento Europeo Sassoli e la commissione europea hanno preso posizione a sostegno dell'Agenzia, così come il corpo dei Vigili del Fuoco.

"Pieno sostegno ai giornalisti dell'ANSA in questo periodo difficile per molti media. Dipendiamo da media forti e indipendenti per sostenere la democrazia e per avere informazioni credibili. Stiamo aiutando i Paesi Ue a sostenere i media, come parte della nostra risposta economica al Coronavirus": lo scrive in un tweet il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis.

LE RAGIONI DELLO STOP

Tra gli attestati di solidarietà è arrivato quello del premier Giuseppe Conte così come di molti esponenti del governo e dalla Commissione e dal Parlamento Ue. 

E anche il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ha volto sottolineare il ruolo fondamentale dell'agenzia che quest'anno compie 75 anni.

"In ogni emergenza - ha sottolineato Borrelli - i cronisti dell'ANSA sono stati un alleato importante del Dipartimento della Protezione Civile. Diffondere informazioni corrette e buone pratiche di comportamento durante gli eventi calamitosi è, infatti, fondamentale per ridurre l'esposizione al rischio dei nostri concittadini". "In occasione dell'emergenza Covid-19, grazie anche al lavoro dei giornalisti dell'ANSA, abbiamo contenuto la diffusione delle sempre più frequenti fake news - ha aggiunto - per questo, oltre a ringraziarli per la loro consueta professionalità, esprimo a tutti i lavoratori dell'agenzia la mia vicinanza e solidarietà in questo momento difficile".

Vigili fuoco, ANSA punto riferimento per emergenze - "Amatrice, Rigopiano, Ponte Morandi, sono alcune delle ultime emergenze in cui il consolidato rapporto con l'ANSA ha messo i Vigili del Fuoco nelle condizioni di riportare all'esterno la realtà della situazione, favorendo la diffusione di notizie certe a vantaggio della sicurezza delle persone coinvolte". Lo afferma il Comando generale dei Vigili del Fuoco sottolineando che quella con l'ANSA è una "collaborazione solida e quotidiana". I vigili del fuoco, aggiunge il Comando generale, "svolgono in Italia circa 800mila interventi di soccorso ogni anno e un riferimento come l'ANSA è fondamentale per gestire al meglio le informazioni durante i soccorsi". "In questo momento di difficoltà - conclude il Comando generale - il Corpo nazionale dei Vigili del fuoco esprime la propria vicinanza e solidarietà ai lavoratori dell'agenzia".

Malagò, ANSA voce libera e autorevole - "Una voce libera e autorevole merita di continuare a informare con la qualità che tutti le riconoscono. Solidarietà alla redazione dell'@Agenzia_ANSA, che da sempre racconta con passione anche il nostro amato #sport. Vicini ai giornalisti, a difesa di un'identità inalienabile". Così il presidente del Coni Giovanni Malagò, in un messaggio sul suo profilo twitter dopo lo sciopero dei giornalisti dell'ANSA.

Polizia, baluardo contro le fake news - "La Polizia di Stato è testimone della professionalità dei cronisti dell'ANSA. Nel mondo dell'informazione, troppo spesso dominata dalle fake news, il lavoro di un'agenzia di stampa credibile che fonda la sua attività sulla verifica accurata delle notizie, rappresenta una garanzia di libertà". Lo afferma il Dipartimento di Pubblica Sicurezza sottolineando che "l'ANSA ed i suoi giornalisti, da oltre 75 anni, sono un baluardo di affidabilità cui quotidianamente si rivolgono gli organi di informazione, le istituzioni ed i cittadini"

Da Martella a Bellanova, le reazioni nel governo - "Lo sciopero proclamato dai giornalisti ANSA  - ha detto il sottosegretario all'editoria Andrea Martella - non può che preoccuparci e mi auguro che l'azienda possa riconsiderare le proprie decisioni". "Ho già avuto modo di interloquire sia con i vertici aziendali che con il comitato di redazione - aggiunge Martella - Il governo segue e seguirà con attenzione l'evoluzione della vertenza e valuterà ogni iniziativa utile per riannodare i fili del dialogo".

La solidarietà all'Agenzia è arrivata anche dalle istituzioni a partire dal presidente della Camera Roberto Fico. "Il lavoro che gli organi di informazione svolgono è fondamentale per la tenuta di una democrazia - ha detto il presidente della Camera Roberto Fico - ed è un punto di riferimento essenziale per i cittadini. Da 75 anni l'ANSA svolge un ruolo di fonte primaria per l'Italia e per l'estero con professionalità e autorevolezza. È un vero patrimonio del nostro Paese. Dopo due giorni di sciopero oggi i giornalisti dell'agenzia riprendono l'attività. Esprimo loro la mia solidarietà e auspico che si possa trovare presto una soluzione condivisa alle difficoltà di questo momento". 

Così come da diversi esponenti del mondo politico di maggioranza e opposizioni: da Matteo Salvini ("Sono vicino ai colleghi giornalisti e a tutti coloro che lavorano all'Agenzia ANSA che stanno vivendo ore difficili e combattono per il loro posto di lavoro") a Silvio Berlusconi ("Da editore, prima ancora che da presidente di Forza Italia, riconosco ed apprezzo da sempre il ruolo dell'agenzia ANSA, che assicura sin dalla sua fondazione una informazione imparziale e autorevole. È un patrimonio di storia e di professionalità che non può e non deve essere disperso) da Nicola Zingaretti ("Siamo vicini ai giornalisti dell'@Agenzia_Ansa. Un grande abbraccio a tutti voi") a Giorgia Meloni ("Il ruolo centrale che l'@Agenzia_Ansa svolge nell'informazione nazionale è fondamentale. Vicinanza e ringraziamento ai colleghi per il prezioso servizio professionale e tempestivo, anche per l'emergenza #COVID19, nonostante le difficoltà, i rischi e gli orari impossibili") a Matteo Renzi ("Solidarietà e un abbraccio ai giornalisti dell'ANSA. Il loro lavoro va difeso e sostenuto: la corretta informazione è un servizio pubblico essenziale perché ci difende dalle fake news. Ci riguarda tutti").

Reazioni anche dai presidenti di Regione, da Luca Zaia a Stefano Bonaccini.

E anche i leader sindacali hanno detto la sua sulla vertenza

Ecco le posizioni dei sindacati dei giornalisti.

Cdr Famiglia Cristiana, solidarietà all'ANSA - Il cdr della Periodici San Paolo (editrice anche di Famiglia cristiana) esprime in una nota "solidarietà ai colleghi dell'ANSA ai quali una visione miope dell'editore vorrebbe ridimensionare voce e qualità del lavoro". "L'ANSA, per la sua presenza capillare e la professionalità dei suoi giornalisti - continua il cdr - rappresenta una fonte qualificata e insostituibile al servizio di una informazione completa per il Paese".

 

 

 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Modifica consenso Cookie