Libri
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Libri
  4. Poesia
  5. Patrizia Cavalli, l'appello per un posto al cimitero acattolico

Patrizia Cavalli, l'appello per un posto al cimitero acattolico

La lettera di artisti, intellettuali, amici della poetessa

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Patrizia Cavalli "è stata la voce poetica più importante e più amata dell'ultimo quarto di secolo italiano". Lei, non cattolica, "avrebbe molto desiderato, che le sue ceneri fossero deposte nel cimitero acattolico di Roma". Si condensa in queste parole la lunga lettera-appello rivolta da intellettuali, artisti, amici della grande poetessa scomparsa alla direttrice del cimitero acattolico di Roma perché le sue ceneri vi vengano deposte secondo quello che era il suo desiderio. Gli amici ricordano le tante raccolte di poesia tradotte in ogni lingua, le sue traduzioni per il teatro, i numerosi e prestigiosi premi arrivati nel percorso di una carriera luminosa, riconosciuta nella sua potenza da grandi scrittori e critici, a cominciare da Elsa Morante che la scoprì, senza dimenticare i lettori che l'hanno sempre amata moltissimo.
    Patrizia Cavalli, sottolineano gli autori dell'appello, "è stata una voce poetica amata e quasi venerata dalla città in cui ha vissuto, Roma, che ha saputo descrivere, raccontare e poetare, attraverso cinquant'anni, in versi e in prose". Le sue esequie sono state svolte "senza alcun segno né cerimonia religiosa". Da qui l'appello: "Crediamo che sarebbe importante, per la città di Roma, onorare la memoria di Patrizia Cavalli in un luogo di tale bellezza, insieme alla memoria dei molti altri poeti sepolti lì". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA

      Ultima ora



      Modifica consenso Cookie