Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Arte
  4. 'Depero mito presente' al Riso di Palermo

'Depero mito presente' al Riso di Palermo

Grandi oli, acquarelli, disegni, fino al libro imbullonato

(ANSA) - PALERMO, 04 OTT - Nella prima metà del secolo scorso nessuno come il futurista Fortunato Depero ha saputo incarnare l'idea italiana di artista totale. In questo senso, la mostra "Depero mito presente", dal 4 ottobre al Museo d'arte contemporanea Riso di Palermo, costituisce un'occasione straordinaria per ripercorrere la carriera di questo grande protagonista del '900. Curata da Nicoletta Boschiero e in collaborazione col Mart di Rovereto, la rassegna è stata presentata alla stampa da Vittorio Sgarbi e Silvio Cattani, rispettivamente presidente e vicepresidente del Mart, dall'assessore regionale alla Cultura Alberto Samonà e dalla nuova direttrice di Riso Maddalena De Luca.
    "Depero è stato un artista libero, che ha saputo ascoltare il rumore del mondo", ha detto Sgarbi, ricordando l'importanza del suo soggiorno a New York. "Un'esperienza senza precedenti - ha sottolineato - che ha sprovincializzato l'arte italiana e ha fatto conoscere il Futurismo a livello internazionale". Pittore, scenografo, costumista, ideatore di mobili e arredamenti, scultore e pubblicitario, Depero ha svolto, assieme a Balla, un ruolo fondamentale per lo sviluppo del cosiddetto secondo Futurismo. Al Riso sono esposte alcune fra le opere più belle e preziose di Depero, grandi oli, acquarelli, disegni, fino al libro imbullonato, copia di proprietà della Biblioteca regionale della Sicilia le cui pagine è possibile sfogliare virtualmente su un monitor.
    "Dimenticare l'elemento uomo e sostituirlo con l'automa inventato per ottenere un maggior senso geometrico e di libertà": un'esaustiva sezione della mostra è dedicata ai Balli plastici, azioni mimiche per il teatro di marionette. Il primo spettacolo andò in scena a Roma nel 1918 al Teatro dei piccoli di Podrecca su musiche di Alfredo Casella e altri. Un'altra sezione ricorda il "Cabaret del diavolo" per l'Hotel Élite et des étrangers di Roma.
    Ancora oggi la bottiglia del Campari soda è quella disegnata da Fortunato Depero, a forma di calice rovesciato. Sono esposti alcuni manifesti di quella lontana campagna pubblicitaria.
    Completa la mostra una piccola appendice dedicata a Depero in Sicilia, quando fu ospite dell'amico Guglielmo Jannelli. La mostra è aperta fino al 15 gennaio. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie