Cultura
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Arte
  4. Robert Capa, la vita nel mirino del reporter umanista

Robert Capa, la vita nel mirino del reporter umanista

A Rovigo la verità 'sfocata' del gigante delle foto di guerra

(ANSA) - ROVIGO, 07 OTT - Dentro la storia, in prima linea per seguire come nessun altro gli avvenimenti, ma con l'occhio sempre puntato alla vita delle persone che entravano nel suo mirino. Robert Capa era così. Fedele al suo motto "se la foto non è buona vuol dire che non eri abbastanza vicino", ha attraversato i grandi conflitti del Novecento accanto a chi combatteva. Già nel dicembre 1938 il Picture Post lo aveva definito "il più grande fotografo di guerra del mondo" per i suoi resoconti dalla guerra civile in Spagna. A consolidarne la fama vennero poi la seconda guerra mondiale - fu l'unico fotografo a toccare, anche se per pochi minuti, la spiaggia dello sbarco in Normandia - la Cina invasa dal Giappone, la nascita dello Stato di Israele, la guerra in Indocina. Spesso puntava l'obiettivo e scattava una immagine frontale della scena, poi si spostava e dava un altro punto di vista cercando la complicità di chi ritraeva. Questo suo modo di fare gli costò la vita nel maggio 1954 quando, allontanandosi da un gruppo di soldati in marcia mise il piede su una mina.
    A dare una lettura dell'intero percorso del fotografo di origine ungherese, tra i fondatori con Henri Cartier-Bresson e altri della Magnum, è la mostra che Palazzo Roverella, a Rovigo, gli dedica fino al 29 gennaio prossimo. 'Il reporter umanista', lo definisce Gabriel Bauret, che ha scelto negli archivi della mitica agenzia i 366 scatti per 'Robert Capa. L'opera 1932-1954', guidato dalla volontà di andare oltre la tematica di guerra che pure occupa lo spazio maggiore.
    Endre Erno Friedmann, ebreo, era nato a Budapest nel 1913. A 17 anni si trasferì a Berlino dove restò fino al 1933 formandosi nel clima di rinnovamento dell'avanguardia fotografica tedesca favorita dallo sviluppo delle riviste e delle apparecchiature.
    Poi si spostò a Vienna e, infine, a Parigi, la città del cuore, con la fotografa Gerda Taro, suo unico grande amore, uccisa da un carro armato in manovra nel 1937 vicino a Madrid. Insieme avevano scelto lo pseudonimo Robert Capa, pensando all'attore Robert Taylor e al regista Frank Capra. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie