Sassanelli racconta Due piccoli italiani

Esordio alla regia on the road dalla Puglia all'Islanda

(ANSA) - ROMA, 12 GIU - E' na favola semplice e onesta 'Due piccoli italiani', opera prima di Paolo Sassanelli in sala dal 14 giugno con Keyfilms. Il film, interpretato dallo stesso Sassanelli, Francesco Colella, Rian Gerritsen e con la partecipazione amichevole di Dagmar Lassander e Totò Onnis, racconta il viaggio naif, dalla Puglia all'Islanda, di due psicolabili appena fuggiti da una residenza sanitaria assistenziale pugliese.
    Sono Salvatore (Francesco Colella), lucido ma non troppo, e Felice (Sassanelli), fragilissimo psicolabile, quasi un bambino, con derive autistiche, ossessionato da una compulsiva voglia di trovare la madre. Due veri amici che, per tutta una serie di circostanze, si ritrovano in fuga nel mondo dei 'normali'.
    Arrivano prima in Olanda, a Rotterdam, dove incontrano la dinamica e bulimica Anke (Gerritsen), assistente di un'imprenditrice erotica di nome Eva (Marit Nissen, nella vita moglie di Sassanelli). E poi per i due è sempre fuga, ma questa volta verso la cupa Islanda.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA