Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. America Latina
  4. La vittoria di Lula apre i principali giornali del mondo

La vittoria di Lula apre i principali giornali del mondo

Preoccupa il silenzio di Bolsonaro dopo la sconfitta

(ANSA) - SAN PAOLO, 31 OTT - La vittoria di Lula al ballottaggio delle elezioni presidenziali in Brasile apre i siti web dei principali giornali del mondo. Dall'Economist al New York Times, si parla di una storica tornata elettorale e si sottolinea "il silenzio" dell'attuale presidente sconfitto al secondo turno, Jair Bolsonaro, che non ha ancora concesso la vittoria al candidato di sinistra del Partito dei Lavoratori (Pt).
    Il voto in Brasile apre l'edizione online dell'Economist, che evidenzia come nelle "elezioni più avvincenti della storia recente del Paese, Lula ha vinto con il margine più stretto dal ritorno del Brasile alle elezioni democratiche nel 1989", segnalando che "è la prima volta che un presidente in carica non riesce ad essere rieletto". La domanda è se "lo sconfitto Jair Bolsonaro accetterà il risultato", dopo che "ha detto spesso che non avrebbe accettato altro risultato se non la vittoria".
    Il Guardian apre con la vittoria di Lula sottolineando come "Bolsonaro rimane in silenzio dopo la sconfitta elettorale" mentre "gli alleati chiave accettano il risultato", tra i quali il telepredicatore Silas Malafaia, che ha twittato come "la volontà sovrana del popolo si è affermata". Anche l'ex ministro di Bolsonaro e neoeletto governatore di San Paolo, Tarcísio de Freitas, ha riconosciuto la vittoria di Lula, dicendo ai giornalisti che "il risultato elettorale è sovrano".
    Anche il New York Times parla delle elezioni brasiliane sottolineando come "dopo la sconfitta, Bolsonaro è silente e il Brasile teme tumulti", spiegando che dopo oltre 12 ore il presidente in carica "non ha ancora riconosciuto la sconfitta elettorale dopo mesi di avvertimenti, senza prove, che gli oppositori avrebbero truccato il voto". Un silenzio che "sta diventando sempre più preoccupante".
    Il Financial Times sottolinea "lo storico ritorno" di Lula, che ha vinto dopo "una campagna amaramente divisiva". "Le profonde divisioni e le finanze tese del Brasile pongono sfide immense a Lula", è il commento di Michael Stott, caporedattore per l'America Latina del giornale britannico, che propone anche un articolo di approfondimento su come il ritorno di Lula sia "l'ultimo trionfo di una vita spesa a combattere le avversità".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Modifica consenso Cookie