Georgia: tende davanti al Parlamento, Melia venga liberato

Opposizione alza la voce. Ma il governo, gente non è con loro

(ANSA) - MOSCA, 27 FEB - Gli attivisti dell'opposizione georgiana, che ieri sono arrivati nella capitale Tbilisi dalle regioni, hanno montato 11 tende in una piccola piazza fuori dal palazzo del Parlamento, dove hanno passato la notte.
    "Le tende fuori dal Parlamento fanno parte della nostra lotta contro il regime avversario del popolo. È il nostro diritto legittimo di esprimere la protesta. Se necessario, monteremo le tende anche in mezzo al viale Rustaveli", ha detto Zaal Udumashvili, uno dei leader del partito di opposizione Movimento Nazionale Unito.
    La polizia, dal canto suo, non interferisce ancora con le attività degli attivisti dell'opposizione ma non permette loro di montare le tende nella zona trafficata di viale Rustaveli.
    Ieri i leader e i sostenitori dell'opposizione hanno tenuto una rumorosa (ma piccola) manifestazione nel centro di Tbilisi.
    Secondo varie stime, da 1.000 a 2.000 persone vi hanno preso parte. I manifestanti hanno chiesto che il presidente del Movimento Nazionale Unito, Nikanor Melia, sia rilasciato e che siano fissate nuove elezioni parlamentari.
    I leader dell'opposizione hanno detto che le autorità devono soddisfare le loro richieste nelle prossime due settimane, altrimenti le proteste diventeranno più radicali. Gli attivisti piantano picchetti fuori dagli edifici del Parlamento, della Cancelleria di Stato, del Ministero degli Interni e del tribunale. I rappresentanti del partito di governo Sogno Georgiano, a loro volta, hanno detto che i manifestanti a Tbilisi sono dirigenti e attivisti dei partiti di opposizione e non sono sostenuti dai cittadini comuni. Lo riporta Interfax.
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie