Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Quirinale: Papi, re, presidenti: da 5 secoli palazzo del potere

Quirinale: Papi, re, presidenti: da 5 secoli palazzo del potere

La 'casa dei preti' poi diventato poi simbolo della Repubblica

Il palazzo simbolo della Repubblica e' stato per secoli una residenza dei Papi e per oltre settant'anni la casa dei Re. Il Quirinale ha cambiato più volte pelle, ma e' sempre restato il cuore del potere romano: guardie svizzere o corazzieri, cardinali o ministri repubblicani, da piu' di cinquecento anni i suoi frequentatori sono gli attori e i comprimari dello stesso grande gioco, che ha come posta la salute dello Stato.

Nella seconda meta' del '500 era un ameno luogo di campagna, dove sorgevano ville e giardini di nobili e prelati. Ai nostri giorni è una piccola citta' con le sue 1200 stanze e i quasi mille dipendenti che oltre a lavorare per le attivita' del presidente della Repubblica devono gestire un patrimonio inestimabile composto da arazzi di grande pregio (ben 261 pezzi), mobili e dipinti, sculture e carrozza storiche. Un tesoro racchiuso in un gigantesco palazzo della fine del '500 che ha ospitato una trentina di papi (l'ultimo fu Pio IX) rimanendo per secoli la sede dei pontefici che li' svolgevano le loro attivita' piu' "politiche".

Il primo papa a mettere gli occhi sulla proprieta' fu Gregorio XIII: a sue spese fece trasformare la palazzina che sorgeva nella tenuta in una grande villa il cui pezzo forte era la spettacolare scala elicoidale progettata dall'architetto Ottaviano Mascarino. Nel 1587 il successore di papa Gregorio, Sisto V, decise di comprare villa e giardino e ne fece la residenza estiva della corte pontificia.Di ampliamento in ampliamento (il Quirinale cosi' come lo conosciamo e' frutto dell'intervento di famosi architetti come Domenico Fontana e Carlo Maderno) il palazzo divenne il cuore del potere della Chiesa, una vera e propria cittadella del Papa e della corte. Nell'800, la rivoluzione.

Per tre volte i Papi furono sfrattati dal palazzo: da Napoleone nel 1809, da Mazzini nel 1848, da Vittorio Emanuele II nel 1870, quando Pio IX dovette lasciare la sua residenza e riparare in Vaticano. Non prima, secondo la leggenda, di aver lanciato una terribile maledizione sul re usurpatore. Dopo l'addio del "Papa re", il consiglio dei ministri del regno d'Italia stabili' che il Quirinale dovesse "appartenere allo Stato ed essere destinato alla residenza del Re". Ma fu solo con l'arrivo al trono di Umberto, figlio di Vittorio Emanuele, che il Quirinale divento' una vera reggia. Durante la prima guerra mondiale, conobbe una temporanea mutazione: da suntuosa reggia si trasformo' in ospedale militare. Con l'avvento al potere di Mussolini, perse parte della sua centralita' politica.

Dopo l'armistizio dell'8 settembre conobbe nuove tribolazioni. Lasciato in fretta e furia da Vittorio Emanuele III e famiglia, in fuga verso Brindisi, il palazzo accolse nuovamente i Savoia due giorni dopo l'ingresso degli alleati a Roma.Nei due anni che seguirono, il Quirinale torno' a essere parte del gioco politico, ma il potere si stava trasferendo altrove. Diventato re il 9 maggio del 1946, Umberto II abbandono' il Quirinale e l'Italia poche settimane piu' tardi, il 13 giugno, dopo la vittoria della repubblica nel referendum. Ma per fare del palazzo sul colle piu' alto di Roma il simbolo della Repubblica, fu necessario aspettare ancora due anni,perche' dal 1946 al 1948 il capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola, non volle salire al Quirinale per esercitare il suo mandato: a lui monarchico convinto, sarebbe sembrato di profanare un simbolo. Fu Luigi Einaudi, nel 1948, il primo presidente ad insediarsi al nel Palazzo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie