Djokovic chiude il 2020 da n.1, 8 azzurri nella top 100

Berrettini è decimo, scalata Sinner: vola al 37/o posto

Cala il sipario sul 2020 del tennis, e Novak Djokovic chiude l'anno sempre da numero uno. Non cambia infatti la top ten mondiale anche dopo le ATP Finals, che definiscono la classifica 'end year': il leader è sempre il serbo, tornato al comando dopo l'ottavo trionfo a Melbourne lo scorso gennaio. Per Djokovic si tratta della 296esima settimana complessiva da numero uno: lasciatosi dietro Pete Sampras nella speciale classifica all time, il suo obiettivo dichiarato è il record di Roger Federer, leader con 310 settimane al vertice.

Sono ora 2180 i punti di vantaggio di Nole su Rafa Nadal, a sua volta seguito a 725 punti dall'austriaco Dominic Thiem. Quarto il russo Daniil Medvedev che, fresco vincitore del Masters, distanzia di quasi duemila punti Roger Federer (atteso al rientro nel 2021 dopo il doppio intervento al ginocchio destro).

Conferme per il greco Stefanos Tsitsipas al sesto posto, poi nell'ordine per il tedesco Alexander Zverev, il russo Andrey Rublev, unico vincitore di cinque titoli quest'anno, e l'argentino Diego Schwartzman. L'Italia chiude la top ten con Matteo Berrettini, decimo appunto con 215 punti di vantaggio su Gael Monfils. E sono in totale otto gli azzurri tra i primi 100 del ranking: Fabio Fognini stabile al 17/o posto, Lorenzo Sonego al numero 33. Jannik Sinner si conferma alla 37/a posizione ottenuta grazie al titolo conquistato a Sofia dieci giorni fa.

Stabili anche Stefano Travaglia, numero 74, Salvatore Caruso 76/o, Marco Cecchinato (80/o) e Gianluca Mager al numero 99, appunto l'ottavo azzurro in Top 100. Un passo indietro invece per Andreas Seppi, adesso numero 105, mentre il 18enne Lorenzo Musetti termina l'annata al 127/o posto. 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie