08:48

Elezioni: depositati i primi tre simboli

Sono Pli, Maie e Sacro romano impero cattolico

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 12 AGO - Sono il Partito liberale Italiano, il Maie (Movimento associativo italiani all'estero) e il Sacro Romano Impero cattolico "e pacifista" i primi tre a depositare i simboli al Viminale per la tornata elettorale del 25 settembre.
    Ora entreranno per gruppi di 5. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    05:42

    Samsung, erede del gruppo Lee graziato dopo condanna corruzione

    Prosegue tradizione clemenza nei confronti dei grandi patron

    Chiudi  (ANSA)

    (ANSA) - SEUL, 12 AGO - L'erede e leader di fatto del gruppo Samsung ha ricevuto oggi la grazia presidenziale, ultimo esempio di una tradizione sudcoreana di clemenza nei confronti dei grandi patron condannati per corruzione e altri reati finanziari. Il miliardario Lee Jae-yong, condannato per corruzione e appropriazione indebita lo scorso gennaio, sarà "reintegrato" per "aiutare a superare la crisi economica della Corea del Sud", ha affermato il ministro della Giustizia Han Dong-hoon.
        Lee, 54 anni, la 278ma persona più ricca del mondo secondo Forbes, era stato rilasciato con la condizionale nell'agosto 2021 dopo aver scontato 18 mesi di prigione, poco più della metà della sua condanna originale. La grazia di oggi gli consentirà di tornare a lavorare a pieno titolo, revocando il divieto di lavoro che gli era stato imposto dal tribunale per un periodo di cinque anni dopo la sua pena detentiva. "A causa della crisi economica globale il dinamismo e la vitalità dell'economia nazionale sono peggiorati e si teme che la crisi economica si prolunghi", ha affermato il ministero della Giustizia in una nota. Il dicastero spera che l'uomo d'affari possa "guidare il motore di crescita del Paese investendo attivamente in tecnologia e creando posti di lavoro". A Lee Jae-yong è stata concessa la grazia insieme ad altri tre uomini d'affari, tra cui il presidente del gruppo Lotte, Shin Dong-bin, che ha ricevuto una condanna a due anni e mezzo di reclusione con sospensione della pena in un caso di corruzione nel 2018. Lee è il vicepresidente di Samsung Electronics, il più grande produttore mondiale di smartphone. Le entrate complessive del conglomerato equivalgono a un quinto del prodotto interno lordo della Corea del Sud. È stato incarcerato per reati legati a un enorme scandalo di corruzione che ha fatto cadere l'ex presidente Park Geun-hye. Non è raro che i principali magnati sudcoreani vengano accusati di corruzione, appropriazione indebita, evasione fiscale o altre attività economiche illegali. (ANSA).
       

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      05:35

      Tennis: Montreal, Sinner eliminato agli ottavi

      Giorgi ko a Toronto contro la Pegula

      Chiudi  (ANSA)

      (ANSA) - ROMA, 12 AGO - Jannik Sinner è stato eliminato agli ottavi del torno Atp di Montreal. Il 20enne altoatesino, n.12 al mondo e settimo favorito del seeding, ha ceduto per 6-2 6-4 in un'ora e 24 minuti di gioco al 31enne spagnolo Pablo Carreno Busta (n.23).
          A Toronto intanto ko agli ottavi anche Camila Giorgi, sconfitta in rimonta per 3-6 6-0 7-5 dopo quasi due ore dalla statunitense Jessica Pegula. (ANSA).
         

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        03:04

        Usa, Wp: Fbi in casa Trump cercava documenti su armi nucleari

        Preoccupazioni governo su informazioni in possesso ex presidente

        Chiudi  (ANSA)

        (ANSA) - NEW YORK, 11 AGO - L'Fbi nel blitz a casa di Donald Trump cercava documenti top secret legati alle armi nucleari. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali la perquisizione non usuale ha messo in evidenza le profonde preoccupazioni all'interno del governo Usa sul tipo di informazioni in possesso dell'ex presidente a Mar-a-Lago e il pericolo che potessero finire in mani sbagliate.
            I documenti sulle armi nucleari sono particolarmente sensibili e solitamente la loro diffusione è limitata a un numero ristretto di persone. Pubblicizzare dettagli sulle armi americani potrebbe concedere vantaggi agli avversari. "Se fosse vero" che si trattava di documenti legati alle armi nucleari "si tratterebbe di materiale riservato ai più alti livelli", afferma David Laufman, l'ex capo della sezione di intelligence del Dipartimento di Giustizia americano. (ANSA).
           

          RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

          01:16

          Usa, cerca d'irrompere negli uffici dell'Fbi: inseguito e ucciso

          A Cincinnati, dopo blitz a casa Trump. Legami con il 6 gennaio

          Chiudi  (ANSA)

          (ANSA) - NEW YORK, 11 AGO - L'uomo che ha cercato di irrompere nella sede dell'Fbi a Cincinnati, in Ohio, è stato ucciso. Dopo ore di inseguimento e trattative affinché si consegnasse in pace alle autorità, Ricky Shiffer è stato freddato dalle forze dell'ordine. La sua tentata irruzione segue il blitz degli agenti federali a casa di Donald Trump, che ha sollevato fra i repubblicani e la destra una valanga di critiche contro l'Fbi.
              Secondo indiscrezioni, Shiffer sarebbe proprio un sostenitore dell'ex presidente americano con legami con gruppi estremisti, fra i quali uno di quelli che ha partecipato all'assalto al Congresso del 6 gennaio. L'uomo infatti sarebbe stato ripreso in un video postato su Facebook a un comizio pro-Trump a Washington la sera prima dell'assalto al Campidoglio.
              L'allarme è scattato intorno alle nove del mattino, quando Shiffer con una pistola e un fucile, probabilmente un Ar-15, ha cercato di entrare negli uffici dell'Fbi. Gli agenti speciali sono intervenuti subito. Alcuni colpi d'arma da fuoco sono volati poi Shiffer è scappato, aprendo una caccia all'uomo durate ora. L'uomo ha cercato rifugio nelle aree rurali fuori città, ma l'imponente dispiegamento di polizia è riuscito a fermarlo. Sono quindi iniziate ore di trattative per cercare di convincerlo a consegnarsi, ma senza risultato. Alla fine, Shiller è stato ucciso.
              I motivi del suo gesto non sono noti e la polizia indaga al riguardo. Il timore è che si tratti di un'azione legata al blitz dell'Fbi a casa di Trump e alla rabbia che ne è scaturita negli ambienti di destra, da dove si è sollevata una chiamata all'azione. (ANSA).
             

            RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

            Successiva