13:30

A Londra si viaggia sul Tamigi, con Uber

Parte il nuovo servizio di trasporto per i 'taxi sul fiume'

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 04 AGO - I londinesi cominciano a tornare al lavoro dopo il lungo lockdown e Uber lancia il suo servizio di 'taxi sul fiume' che consentirà di attraversare la città evitando bus e metropolitana: in partnership con Thames Clippers, già concessionaria del trasporto lungo il Tamigi, il nuovo servizio era stato annunciato all'inizio di luglio e adesso è al via, per i pendolari nella sempre brulicante capitale britannica tenuta col fiato sospeso dal covid, ma anche per turisti e visitatori con un tragitto che tocca diverse zone -e diverse anime- della città, da Putney alla iconica Battersea Power Station, ma anche Blackfriars e Canary Wharf o Greenwich.
    Il metodo di pagamento è quello lanciato da Uber per il servizio taxi, con l'acquisto di biglietti via app e l'accesso attraverso l'account Uber, ma rimarrà anche la possibilità di usare la app di Thames Clippers, che opera a tutti gli effetti il servizio, nonché la Oyster Card ovvero la tessera passepartout dei trasporti pubblici londinesi.
    Sono oltre 4 milioni le persone che ogni anno usano il Tamigi per spostarsi nella città e il 40% si è detto determinato ad incrementare ulteriormente l'uso del trasporto lungo il fiume.
    "con il rientro al lavoro dei londinesi e la ripresa dei movimenti in sicurezza in città, avranno la possibilità di prenotare i loro spostamenti sia lungo il fiume sia sulla strada attraverso la app di Uber", ha sottolineato Jamie Heywood, deneral manager di Uber per l'Europa settentrionale ed orientale, spiegando: "Dobbiamo garantire che non facciano tutti ricorso alle proprie auto in risposta alla crisi. Da parte sua Sean Collins, chief executive di Thames Clipper, ha notato che questa nuova partnership riflette "la rinascita del fiume" rimarcando l'entusiasmo che "nel nuovo mondo siamo in grado di offrire un nuovo modo di spostarsi nella capitale". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




12:29

Sale del 30% emigrazione britannici in Ue da voto su Brexit

'Magnitudo comparabile alle grandi crisi'

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 04 AGO - Il numero dei britannici che emigrano nei paesi membri dell'Ue è aumentato del 30% dal voto sulla Brexit e la metà ha deciso il trasferimento nei primi tre mesi dopo il referendum. Lo scrive il Guardian citando un recente studio.
    L'analisi di dati Ocse ed Eurostat mostra in media, fra il 2005 e il 2015, 56.832 britannici lasciavano il Regno Unito ogni anno per uno dei paesi dell'Unione Europea, nel periodo fra il 2016 e il 2018 quel numero è cresciuto a 73.642 all'anno. Lo studio - condotto dalla Universirtà di Oxford a Berlino e dal Centro di Scienze Spciali di Berlino, mostra inoltre un aumento del 500% fra coloro che dopo il trasferimento hanno acquisito la cittadinanza di un paese Ue. In Germania in particolare l'aumento è stato del 2000%, con la naturalizzazione di 31.600 britannici dal referendum sulla Brexit.
    "L'aumento registrato è di una dimensione che ci si può aspettare quando un paese è colpito da una grande crisi politica o economica", ha spiegato Daniel Auer, co-autore dello studio.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




12:19

Thailandia: protesta anti-governo ispirata a Harry Potter

Collegamento tra il cattivo Voldemort e il Palazzo reale

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - BANGKOK, 4 AGO - Circa 200 manifestanti anti-governativi hanno inscenato ieri una protesta a Bangkok ispirandosi a Harry Potter, in un'innovativa forma di dissenso che per la prima volta in pubblico si è riferita, seppur in modo indiretto, alla monarchia.
    I dimostranti, riunitisi attorno al Monumento per la democrazia nella parte antica della capitale thailandese, hanno esibito cartelli con disegni e scritte sul tema "Harry Potter contro colui che non si può nominare", tracciando un collegamento tra Lord Voldemort, il "cattivo" della saga incentrata sulle avventure del giovane mago, e il Palazzo reale. I manifestanti erano anche vestiti in tema.
    In Thailandia vige la legge di lesa maestà più severa al mondo, con pene che vanno fino ai 15 anni di reclusione e che in diversi casi sono state aumentate combinando le pene previste dalla Legge sui reati informatici. Il sovrano è considerato semi-divino e mantiene un'enorme influenza morale sugli affari del regno, e la nuova Costituzione scritta dai militari quattro anni fa gli conferisce maggiori poteri, per quanto ufficialmente il re è al di sopra della politica. Inoltre, il re Vajiralongkorn non gode dell'autorità morale del compianto padre Bhumibol e trascorre gran parte dell'anno in una villa in Germania, con rare e brevi visite nel regno.
    "Discutere di questo non è un atto per rovesciare la monarchia, ma per permettere alla monarchia di esistere nella società thailandese nel modo appropriato e legittimo nell'ambito di una monarchia costituzionale e democratica", ha detto alla folla una delle organizzatrici.
    Nelle ultime due settimane, dopo una pausa di quattro mesi dovuta allo stato di emergenza proclamato per combattere l'emergenza Covid, le manifestazioni studentesche contro il governo guidato dall'ex generale Prayuth Chan-ocha sono riprese, con un picco di 2mila manifestanti in luglio. Prima di ispirarsi al tema di Harry Potter, i manifestanti anti-governativi già da anni usano il saluto con le tre dita alzate, come nella serie di film "The Hunger Games", in cui i giovani organizzano la resistenza contro una dittatura. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

12:18

Argentina: debito, raggiunto accordo con creditori

Ristrutturazione di 67 miliardi di dollari

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - BUENOS AIRES, 04 AGO - Il governo argentino ha annunciato oggi di avere raggiunto un accordo con i creditori per la ristrutturazione di quasi 67.000 milioni di dollari di titoli del suo debito estero. In un comunicato congiunto del Ministero dell'Economia e di tre grandi consorzi di creditori l'accordo viene definito "un alleggerimento significativo del peso del debito".
    "La Repubblica Argentina e i rappresentanti del 'Grupo Ad Hoc de Bonistas Argentinos', del 'Comité de Acreedores de Argentina' e del 'Grupo de Bonistas del Canje' ed altri - sostiene il comunicato ufficiale - sono giunti ad un accordo oggi che permetterà ai membri dei tre gruppi di appoggiare la proposta di ristrutturazione del debito dell'Argentina e offrirà alla Repubblica un alleggerimento significativo del suo debito".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




11:24

Esponente cosca 'ndrangheta ma con reddito, denunciato

Coinvolto inchiesta Rinascita Scott,per mesi incassato sussidio

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 04 AGO - Esponente di punta della 'ndrangheta, coinvolto nella maxi inchiesta "Rinascita Scott", ma beneficiario del reddito di cittadinanza. Angelo Accorinti, nipote di Giuseppe Accorinti, ritenuto il boss dell'omonima 'ndrina di Zungri, dal mese di gennaio ha incassato indebitamente circa tremila euro ed è stato per questo denunciato e nei suoi confronti è scattato un sequestro preventivo.
    A scoprire il meccanismo illecito è stata la Guardia di finanza di Vibo Valentia nell'ambito delle indagini finalizzate a verificare la regolarità delle fruizioni del sussidio da parte di soggetti non aventi diritto, appartenenti o collegate alla criminalità organizzata.
    Grazie ai controlli effettuati, i finanzieri hanno potuto accertare che Angelo Accorinti aveva omesso di comunicare di essere stato colpito da una misura cautelare personale emessa nei suo confronti nell'ambito dell'operazione della Dda di Catanzaro che, nel dicembre scorso, ha inferto un duro colpo alla 'ndrangheta del Vibonese.
    Al termine del controllo sulla spesa pubblica, i finanzieri hanno denunciato l'uomo alla Procura guidata da Camillo Falvo che al Gip l'emissione di un decreto di sequestro preventivo eseguito oggi per la somma di 3 mila euro circa. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA



Modifica consenso Cookie