Partorisce nonostante trombosi a gamba

Donna a personale ospedale di Perugia, vi porto sempre in cuore

Ha dato alla luce all'ospedale di Perugia il figlio, Lorenzo (tre chili e 700 grammi), nonostante fosse stata colpita da una trombosi a una gamba, Cristina, 29 anni, che ha voluto ringraziare il personale del Santa Maria della Misericordia. "Porterò i sanitari sempre nel cuore" ha detto all'ufficio stampa dell'Azienda ospedaliera.
    La donna aveva già dovuto subire un delicatissimo intervento chirurgico alla testa, eseguito il 7 marzo dal dottor Mohammed Hammam. La gravidanza è comunque proceduta regolarmente finché non le è stata diagnosticata la trombosi per la quale si è sottoposta a una terapia con eparina.
    "I medici di Perugia - ha sottolineato Cristina - si sono presi cura di me prima, quando mi è stato diagnosticato un aneurisma cerebrale con alto rischio di emorragia, e poi, quando già contavo i giorni per la nascita di Lorenzo, una trombosi ad una gamba ha cambiato il quadro clinico e costretto il ginecologo ad optare per un parto indotto".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere