Nuovo avviso Bando Ricerca e Sviluppo Regione-Sviluppumbria

L'umbria e la sfida degli ecosistemi dell'innovazione

(ANSA) - PERUGIA, 12 FEB - Il rilancio dell'economia umbra deve passare dalla diffusione di una nuova cultura dell'innovazione.
    Questo l'obiettivo che l'assessore regionale allo sviluppo economico, Michele Fioroni, e l'amministratore unico di Sviluppumbria, Michela Sciurpa, hanno posto alle oltre 130 aziende e istituzioni collegate alla presentazione del nuovo Avviso pubblico ricerca e sviluppo.
    L'evento, realizzato in modalità webinar, è stato ideato da Regione Umbria - che ne riferisce in un suo comunicato - e Sviluppumbria non solo per illustrare le principali caratteristiche e novità introdotte dal bando, ma anche con l'intento di fornire un momento di incontro e confronto sull'importanza che l'innovazione, il trasferimento tecnologico e la ricerca applicata rivestono come driver fondamentali dello sviluppo economico regionale.
    I lavori sono stati aperti dai saluti di indirizzo di Michela Sciurpa che ha inquadrato l'importanza che il sostegno all'innovazione ricopre per Sviluppumbria, insieme al supporto all'internazionalizzazione e all'attrazione di investimenti.
    "Oggi più che mai - ha sottolineato l'amministratore unico di Sviluppumbria - innovazione e trasferimento tecnologico stanno diventando elementi fondamentali della rinnovata missione della nostra agenzia. Sviluppumbria continua ad essere al fianco delle imprese per aiutarle a valorizzare i loro progetti innovativi e di supporto alla Regione nella fase di valutazione dei progetti di ricerca e sviluppo che verranno presentati in risposta a questo bando".
    "Oltre a questo - ha continuato - stiamo avviando un'innovativa collaborazione sempre più intensa con l'assessorato allo Sviluppo economico e le altre istituzioni, pubbliche e private, coinvolte nel mondo dell'innovazione per promuovere iniziative efficaci in modo da permettere al nostro territorio di ripartire effettivamente dalla capacità di innovarsi e rinnovarsi. L'incontro di oggi si inquadra in questa nostra nuova operatività, caratterizzata da un forte approccio sinergico e collaborativo e da una forte volontà di interlocuzione e comunicazione costante con tutti gli stakeholder". L'assessore Michele Fioroni, nel suo intervento, ha sottolineato l'importanza di fare emergere in Umbria una cultura dell'innovazione. "La Regione - ha detto - ha lanciato una sfida alle imprese, stipulando un patto con il territorio in cui a fronte di ingenti finanziamenti per la R&S si richiede di realizzare progetti che abbiano nel breve termine una concreta ricaduta sul tessuto economico".
    Parlando inoltre dell'impegno della Regione a realizzare iniziative volte a consolidare l'ecosistema dell'innovazione, l'assessore ha poi evidenziato come "i driver che stanno emergendo anche in seguito alla pandemia mostrano una sempre maggiore sinergia tra start-up e grandi imprese. Ne è un chiaro esempio il successo ottenuto per la realizzazione del vaccino anti-Covid, in cui i tempi sono stati notevolmente ristretti grazie alla collaborazione tra start-up, come Biontech, e multinazionali, come Pfizer. Il Bando Ricerca e Sviluppo va in questa direzione e vuole stimolare la collaborazione tra imprese e start-up con l'introduzione di premialità specifiche, ma è solo la prima di diverse iniziative mirate a rafforzare i rapporti tra gli attori dell'ecosistema dell'innovazione. La nostra regione infatti, con le sue dimensioni limitate, si presta alla realizzazione di sperimentazioni nell'ambito del trasferimento tecnologico ed è una delle priorità dell'assessorato di collaborare con i diversi attori istituzionali e privati per diffondere meccanismi efficienti di scouting tecnologico".
    Marianna Antenucci, innovation advisor dell'assessorato Sviluppo economico, ha moderato l'incontro ed ha introdotto i successivi due panel di interventi.
    Nel primo - prosegue il comunicato - il professor Andrea Alunni, innovation programme director, ha illustrato nel dettaglio l'articolazione del nuovo programma europeo per la ricerca e l'innovazione "Horizon Europe", evidenziando le opportunità che questo può presentare per le imprese umbre insieme ai finanziamenti regionali, che con il bando recentemente pubblicato mirano a indurre in Umbria rapide accelerazioni, premiando prodotti e/o processi caratterizzati da un elevato livello di maturità tecnologica e di rapida implementazione e vicinanza al mercato.
    È stato evidenziato come i nuovi bandi europei di prossima uscita saranno complementari allo strumento della Regione Umbria e punteranno su alcuni filoni di ricerca prioritari per le imprese della nostra regione, fra cui salute e tecnologie digitali abilitanti, cluster d'energia, sicurezza alimentare e biotecnologie. "Horizon Europe" è stato quindi presentato come importante ulteriore occasione di stimolo per indurre una triangolazione virtuosa fra ricerca, imprese e trasferimento tecnologico nel nostro territorio.
    Il ruolo dell'Università e della ricerca applicata nel futuro ecosistema regionale dell'innovazione è stato illustrato dal prof. Gabriele Cruciani, delegato settore Terza missione, dell'Università degli Studi di Perugia.
    Si è parlato del forte investimento che l'Università degli studi di Perugia sta facendo nel trasferimento tecnologico e di come oggi l'Università sia in grado di mettere a disposizione delle imprese le competenze necessarie per la valorizzazione e produzione dei brevetti. Ne è emerso un invito ad unire le forze, di fare innovazione insieme, di privilegiare la collaborazione sulla competizione per attivare un importante "hub" di ricerca e di trasferimento tecnologico regionale.
    I dettagli operativi relativi al bando e ai punti chiave per la valutazione dei progetti sono stati illustrati da Simone Secondi, responsabile sezione infrastrutture produttive e reti d'impresa della Regione Umbria e da Elisabetta Boncio, responsabile Unità Operativa trasferimento tecnologico di Sviluppumbria.
    Le domande di ammissione a finanziamento potranno essere compilate accedendo al portale https://serviziinrete.regione.umbria.it/ tramite l'Identità Digitale SPID dalle ore 10 del 20/01/2021 alle ore 12 del 20/03/2021. Le domande compilate potranno essere trasmesse tramite il portale http://trasmissione.bandi.regione.umbria.it dalle ore 10 del 27/01/2021 alle ore 12 del 20/03/2021. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030



      Modifica consenso Cookie