• >ANSA-IL-PUNTO/COVID: Veneto, Rt preoccupa, Zaia, non calerà

>ANSA-IL-PUNTO/COVID: Veneto, Rt preoccupa, Zaia, non calerà

'Futuro prossimo può riservare solo una salita, non una discesa

(ANSA) - VENEZIA, 03 MAR - Potrebbero essere gli ultimi giorni di 'zona gialla' per il Veneto. "Da qualche giorno c'è un aumento dei casi - conferma Luca Zaia - Abbiamo parametri che indicano il rischio di un passaggio alla zona arancione da venerdì". A preoccupare la Regione è l'aumento dell'indice Rt, attualmente a 0,95-0,94. Il nuovo dato settimanale lo si attende non sotto l'1. E oltre alla diffusione del contagi, sono anche i numero degli ospedali a segnalare che la situazione va verso il peggioramento: l'ultimo report parla di 22 nuovi ricoveri in area non critic (sono 1.194 i letti occupati) e 10 ingressi in terapia intensiva, con 155 ricoverati totali. I nuovi casi Covid sono 1.272 nelle ultime 24 ore, con il totale a 336.750, e si contano 17 vittime, per un dato complessivo di 9.891.
    La campagna vaccinale prosegue senza grosse accelerazioni: sono 118.383 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale anti-Covid; in tutto le dosi inoculate sono 356.833, e 238.5050 coloro che ne hanno ricevuta una. Le dosi disponibili sono complessivamente 564.020.
    La novità nel controllo del contagio sta nel fatto che la Regione ha deciso da oggi il monitoraggio comune per comune dell'incidenza del virus sulla popolazione. Questo per intervenire eventualmente "in maniera più chirurgica", soprattutto per la chiusura mirata delle scuole in caso di cluster. L'incidenza del virus infatti - uno dei parametri fissati dal nuovo Dpcm per consentire stop localizzati anche in aree gialle o arancioni - non è uniforme sul territorio. In questa fase quello regionale è poco sopra i 142 casi per 100.000 abitanti, ma vi sono aree, come Padova, dove il tasso è 198 casi su 100.000. Da qui, ha spiegato il governatore Luca Zaia, la scelta di monitorare l'incidenza nei singoli comuni, per poter eventualmente decidere le chiusure dei plessi, in accordo sindaci, nell'eventualità che si superino i 250 casi per 100.000 abitanti.
    Il governatore Zaia è tornato a ribadire le proprie perplessità sulla gestione della scuola. "Sulla scuola - ha detto - avrei fatto un fermo prudenziale". "Per il resto - ha aggiunto, riferito al nuovo Dpcm - non mi aspettavo di più. E' stata fatta questa scelta che toglie la prudenzialità. Ma è innegabile che esistono dei focolai scolastici. La scuola non ha nessuna responsabilità e chiudere sarebbe una sconfitta. Chi protesta per eventuali chiusure, ha ragioni da vendere. Ma di fronte a questa pandemia c'è l'obbligo di essere obiettivi.".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030



      Modifica consenso Cookie