Castelmola

Sicilia

Castelmola è un piccolo paese medievale situato nella provincia di Messina e che fa parte del prestigioso club dei “Borghi più belli d’Italia”.

Non appena giunti all’ingresso del borgo vi ritroverete a Piazza Sant’Antonio - con uno straordinario pavimento a mosaico in pietra bianca alternata a pietra lavica - dove potete ammirare un panorama mozzafiato sulla costa siciliana, sulle baie del suo litorale, sulla Calabria e su Taormina ed il suo castello. Su un lato della piazza è posto un antico arco in pietra che un tempo costituiva l’unico ingresso al borgo e, sempre qui, si affaccia la Chiesetta di Sant’Antonio, oggi adibita ad Auditorium Comunale, e Casa Sterrantino.

L’edificio di culto più antico di Castelmola è la Chiesa di San Biagio decorata con affreschi settecenteschi, situata su un piazzale dietro una roccia, dove si rimane incantati dal panorama che spazia sull’Etna, Taormina e il golfo di Giardini Naxos.

La Chiesa Madre - posta su un belvedere - è dedicata a San Nicola da Bari ed è stata realizzata in stili diversi come il romanico, il gotico, l’arabo e il normanno; al suo interno custodisce quattro altari in marmo, uno splendido pulpito e una statua lignea raffigurante Maria Maddalena.

Da non perdere sono anche la Chiesa dell’Annunziata (edificata nel 1100) e la Chiesa di San Giorgio, risalente al XV secolo, che conserva al suo interno vere e proprie chicche d’arte come statue, dipinti, due lapidi sepolcrali e molto altro. 

Un tempo il borgo era dominato da un imponente Castello normanno, di cui oggi restano solo ruderi e parti delle mura difensive; fu edificato nel IX secolo per volere di Costantino Caramalo, ultimo stratega di Taormina.

Il prodotto tipico locale per eccellenza è il vino alle mandorle.

I suggeriti di ANSA ViaggiArt




Modifica consenso Cookie